IL LIBRO TIBETANO DEI MORTI (2)

Precedente capitolo:

il-libro-tibetano-dei-morti-1.html

Prosegue in:

il-libro-tibetano-dei-morti-3.html &

paginedistoria.myblog.it &

dialoghiconpietroautier2.blogspot.com







Ora dunque, senza distrarti,                             

devi renderti padrone delle istruzioni

che dirò;

esse serviranno a farti riconoscere

questo stato dell’esistenza intermedia.

O figlio di nobile famiglia!

E’ arrivata quella che si chiama morte;

che è la dipartita da questo mondo

e non capita soltanto a te,

ma viene a tutti;

non restare attaccato,                        

desideroso e voglioso di

questa vita.

Anche se tu lo fossi

non avresti potere

(di cambiare la tua sorte),

non te ne verrebbe altra

cosa che seguitare a vagare

nel giro delle esistenze.

Non essere desideroso o

voglioso di questa

vita.                                               

Ricordati delle tre

Gemme Preziose.

O figlio di nobile famiglia!

Quando le paurose

e spaventose visioni

dell’esistenza

intermedia del piano

esistenziale ti

appariranno, non

dimenticare queste

parole ma va avanti,

tenendone bene a mente

il senso.

(Il Libro Tibetano dei morti)






om_mandala_tm12.jpg
IL LIBRO TIBETANO DEI MORTI (2)ultima modifica: 2012-07-06T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo