UN UOMO (3)

Precedente capitolo:

un-uomo-2.html

Prosegue in:

un-uomo-4.html &

il-drago.html

Foto del blog:

un-uomo-3.html

 

 

un uomo 3

 

 





Naturalmente tutto ciò assume sfumature diverse secondo il

partito.

Ovvio un partito con una ideologia precisa, una teoria cristal-

lizzata, è il più feroce nell’esigere ubbidienza e fedeltà, nel re-

primere l’apporto creativo dell’individuo: più una chiesa è

rigorosa, più rifiuta i protestanti e condanna al rogo gli eretici.

Paradossalmente però, gli abusi e le infamie che una simile

chiesa commette sui suoi adepti hanno un senso, una giustifi-

cazione: la forza della sua fede, la nobiltà almeno apparente

dei suoi programmi o propositi. 

Io ti schiaccio perché voglio creare in terra il Regno dei Cieli,

perché lo voglio creare grazie al dogma del materialismo sto-

rico.

Invece un partito che non ha una teoria né un modello ideologico,

un partito che non sa cosa vuole né come lo vuole, non può porta-

re a sua discolpa neanche motivi ideali.

Di conseguenza, i suoi abusi e le sue infamie e le sue pretese di

ubbidienza, di fedeltà, sono imposte da arrivismi personali, am-

bizioni private.

Cricche dentro la cricca, mafie dentro la mafia, cede dentro la

chiesa, e con l’aggravvante di una malattia che nei partiti senza

dottrina è contagiosa quanto la peste: la corruttibilità e la corru-

zione degli yes-men.

In altre parole, se il partito dottrinato schiaccia coi suoi principii

chi protesta o disubbidisce, il partito che non sa cosa vuole né

come lo vuole rigetta come un corpo estraneo chi non si adegua

alla sua assenza di principii, cioè alle sue menzogne, alle sue

ipocrisie, alle sue clientele.

(Oriana Fallaci, Un Uomo)





 

un uomo 3

 

UN UOMO (3)ultima modifica: 2012-07-09T03:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo