DANTE L’ERETICO

Prosegue in:

dante-l-eretico-2.html &

dante-e-cecco.html

Foto del blog:

dante.html

e-cecco.html


 

pleiades.jpg

 








Le ultime ore della notte Dante le passò nella chiaroveggenza dell’-

insonnia, a meditare sulla morte e sulla resurrezione.

Dopo andò al balcone della stanza con un lume, l’astrolabio e un

trattato sul modo di usarlo.

Incominciò a misurare e a far calcoli, ma questo esercizio intellettua-

le che di solito gli procurava grande diletto, quella notte invece gli

faceva sentire quanto è lontana l’astronomia dalle altitudini celesti.

Allora spense il lume e mise da parte la scienza.

Puntò i gomiti sulla balaustra, il mento appoggiato al cavo delle

mani, abbandonandosi alla pura visione dei cieli. Nella stessa po-

sizione lo trovò la figlia quando entrò nella stanza.

Visto di profilo sembrava di pietra, l’occhio fisso alla stella del

mattino.

Antonia, che gli portava del pane e una tazza di latte, depose tutto

sulla cassapanca e poi lo chiamò:

– Padre….

Dante fu scosso come un brivido.


dantealighieri.jpg

 

Voltò lento le spalle e il viso che apparve veramente come pietri-

ficato in un’espressione di uomo lontano con la mente, da Cristo

della memoria, anche se pian piano si sciolse in un sorriso, ritro-

vandosi in sua figlia come davanti a uno specchio che ci restituisca

i ricordi e il riflesso dei nostri lineamenti giovanili.

Quindi andò a sedersi sulla cassapanca, prese la tazza di latte e vi

intinse il primo boccone di pane. Antonia intanto si guardava attor-

no.

Avvicinatasi al letto ancora intatto, fece il gesto di riassettare il len-

zuolo, che per la verità non mostrava nemmeno una piega.

– Non hai riposato nemmeno un momento?

chiese al padre.

– E sprecare nel sonno il tempo che ancora mi è dato da vivere a

questo mondo?

rispose Dante.

– Comunque non avrei dormito. Alla mia età è faticoso anche dor-

mire.

Antonia invece conosceva l’abitudine paterna di dormire un po’ il

sonno dei bambini, dove capita, magari anche di giorno, in modo

breve e intenso.

Non credeva all’opinione per cui nell’insonnia dei vecchi ci sarebbe

il presentimento del sonno eterno.

Continuò così a controllare che nulla fosse fuori posto nella stanza.

Le labbra bagnate di latte, Dante seguiva i movimenti della figlia.

Accarezzandola con lo sguardo pensava:

– Indugia solo perché vuole restare ancora un poco. Vuole chiedermi

qualcosa.


CARDELLINO.jpg

 

Senza una parola, Antonia uscì dalla stanza e vi ritornò dopo un

minuto con un cardellino senza vita fra le mani, quello che aveva

ricevuto in dono da Costanza. Gli baciò il becco e si mise a canti-

lenare:

“Morte villana di pietà antica, di dolore madre antica….”

– Quand’è successo?

chiese Dante smettendo di mangiare.

– Ieri prima del vespro,

disse Antonia deponendo la creatura sullo scriptorium,

– ma la cosa incredibile è il modo in cui è successo.

– La gabbia, tu l’hai vista, è appesa alla finestra della mia stanza.

Mi è sembrato triste per tutta la giornata, ma verso sera diventa

inquieto.

Mi fa pena vederlo tentare il volo, con le ali ormai tarpate.

Esco un momento.

Quando ritorno, credo di assistere a un prodigio: la gabbietta è

avvolta da una nuvola di piume. Ci sono decine di cardellini che

a colpi di becco cercano di espugnarla.

La scena ti assicuro, è chiarissima: gli uccelli cercano il modo di

far fuggire il prigioniero. Uno spirito, un sentimento li muove al-

l’assalto, e io lo avverto senza ombra di dubbio.

D’un tratto sembrano capire che non ce la faranno mai.

Allora si posano sul davanzale, poi volano via, tutti insieme.

Prima di andarsene, però, mi sembra che confabulino qualcosa.

Dopo un po’ vedo ritornare un cardellino, uno solo…..

(Enzo Fontana, Fra la perduta gente)





 

danealighieri2.jpg

 

DANTE L’ERETICOultima modifica: 2012-07-11T21:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo