DE IMMENSO ET INNUMERABILIBUS


Prosegue in:

et innumerabilibus


 

de immenso

 

 





Parlare istruiti dagli occhi d’un altro, vedere coll’altrui parola,

frenar la mente con uno stolto fantasma, questo è vera sofia e

sapienza prima.

Costoro, se la ragione non m’inganna, io crederei di dover ab-

bandonare e spregiare per un’alta legge, come quelli che Dio

non vuol fortunati per sorte migliore.

Ed è stato provveduto anche a loro, e così bisogna far che ri-

mangono, né curino la dubbia mèta e l’incerto scopo quantun-

que sia ottima per se stessa. 

 

de immenso


Non si consiglia a nessuno di sforzarsi con troppo ardore

oltre le proprie forze e dirigersi fuori dei propri confini,

quasi sottoscrivendo senza giudizio né ragione.

Chi non ha giudizio deve vivere coi molti, essendo incapace

di vivere nobilitato coi pochi. Scegliti il pastore che la fortu-

na ti segnerà, percorri senza pericolo le vestigia del gregge a

te congenere.

Non ti piaccia, o amico, la libera caverna della volpe, non imi-

tare i remoti rifugi dei cervi, non osare sdraiarti nell’antro del

fiero leone, o infelice, perché non sei celebre per miglior seme,

sei desipiente, tardo, imbelle per fauci, unghia e bocca, non hai

astuzie né corsa veloce, e nessuna forza ti fu messa nell’animo

o nel torpido cuore. 

 

de immenso


Non a te fu aperta la via per cui tu ti volga all’orbe della

luce: per la qual cosa attieniti al modo di sentire approvato

dai più, e al numero dei plaudenti e confamulanti, e trionfi

la fama d’un autore principe.

E sii, così, contento di poche cose, come se queste fossero tut-

te; ché abbastanza sei ricco, perché non hai nessun senso del-

la tua povertà;  e sei sano, perché non hai nessuna idea del tuo

morbo.

(G. Bruno, De Immenso et Innumerabilibus)




 

 

de immenso

 

DE IMMENSO ET INNUMERABILIBUSultima modifica: 2012-09-14T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo