CON AFFETTO AL CACCIATORE (un po’ cialtrone, un po’ guardone, …e un po’ idiota….colla sua doppietta)

Prosegue in:

pagine di storia &

Dialoghi con Pietro Autier 2

Foto del blog:

con affetto al cacciatore

Da:

i miei libri &

Frammenti in rima


con affetto al cacciatore

 

 

 





In condizioni ambientali normali, non influenzate dall’-

uomo, gli uccelli migratori non sono più minacciati degli

stanziali, almeno non più degli uccelli annuali che vivono

alle latitudini geografiche più elevate; al contrario. 

Molti dei nostri uccelli stanziali, per mantenere stabili le

loro popolazioni, devono portare a termine più cove all’-

anno, mentre molti migratori di lungo percorso riescono

ad assicurare la propria continuità con una sola cova all’-

anno e con una prole relativamente ridotta; o almeno ci

riuscivano.

I migratori di lungo percorso, grazie ai loro spostamenti

periodici, trascorrono spesso l’intero anno in condizioni

ambientali favorevoli, mentre gli stanziali superiori sono

esposti ai pericoli delle due condizioni invernali, che a

volte causano grandi perdite.

 

con affetto al cacciatore


L’espansione dell’uomo in quasi tutte le regioni della terra,

il forte aumento della popolazione umana e la sua sempre 

maggiore manipolazione della natura hanno prodotto la

generale riduzione delle altre specie animali e vegetali, un

processo che continua con accelerazione crescente.

Dal 1600 a oggi, oltre 140 delle circa 10.000 specie di uccel-

li che vivevano sulla terra sono state sterminate, e un buon

12% sono oggi minacciate nella loro sopravvivenza.

 

con affetto al cacciatore


L’ultima ‘lista rossa’ delle specie avicole nella Repubblica

Federale Tedesca definisce ‘minacciato’ il 55% delle specie;

fra gli stanziali puri è minacciato il 68%, fra i migratori del-

le specie.

Ne deriva che i nostri migratori sono attualmente sottoposti

a minacce ben più gravi del passato.

La causa di ciò risiede nel fatto che essi si trovano esposti in

misura crescente a fattori di pericolo nelle tre diverse aree

che formano il loro spazio vitale, ossia nei quartieri riprodut-

tivi, nelle aree di attraversamento e nelle regioni di sverna-

mento: da qui la particolare gravità delle minacce.

Per proteggere adeguatamente i migratori, si dovrebbero in 

molti casi garantire condizioni di vita soddisfacenti in tutte

e tre le aree, mentre per la protezione delle specie stanziali

si può limitare l’intervento alle regioni riproduttive.

 

con affetto al cacciatore


La caccia e la cattura dei migratori, in parte legale e in

parte illegale, continuano a svolgere un ruolo rilevante,

e in certi casi crescente, nelle regioni di transito come in

quelle di svernamento, e anche in alcuni quartieri ripro-

duttivi delle regioni artiche.

Ancora nel 1998, per esempio, il parlamento francese ha

deciso di prolungare la stagione venatoria per gli uccelli

acquatici e limicoli, a onta delle molte critiche che su que-

sto punto si erano già levate in passato.

Secondo le rassegne di Woldhek e McCulloch, soltanto nel-

l’area mediterranea, parecchie centinaia di milioni di mi-

gratori ogni anno vengono abbattute, o gli animali vengo-

no catturati per essere uccisi o rivenduti.

In Italia, secondo stime attendibili, sono circa 190 milioni. 

L’Italia ha in Europa la massima densità di cacciatori, e

insieme con la Francia la più alta percentuale di cacciatori

in rapporto alla popolazione.

(P. Berthold) 



 

 

con affetto al cacciatore

    

CON AFFETTO AL CACCIATORE (un po’ cialtrone, un po’ guardone, …e un po’ idiota….colla sua doppietta)ultima modifica: 2012-10-21T07:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo