SULLA STRADA DI CASA

Precedente capitolo:

due clienti

Prosegue in:

con satana sulle torri &

la freccia del tempo

Foto del blog:

parentesi della Domenica

 

sulla strada di casa

 

 

“Caro Mazzotti,

 lassù attorno alla piccola cappelletta profanata,

si svolge la lotta fra pastori ed albergatori.

Purtroppo vinceranno questi ultimi che hanno

dalla loro i potenti ed i furbi.

Verrà l’anno in cui il poetico suono de’ campani

delle mandrie aostane sarà sostituito dagli squilli

che chiamano a raccolta altre mandrie di cittadini

meno pacifiche e più volgari.

Ma io non vi sarò più”.

                                     Guido Rey


 

 

sulla strada di casa

 


TEORIA DELLE STRADE


              I


Bisogna condurre tanta gente in montagna.

E’ giusto.

Ma se questa gente pretende nuove strade carrozzabili

e nuovi grandi alberghi, può restare a casa.

E’ inutile che si scomodi per ritrovare fra i monti le con-

suete forme superficiali del vivere.


         II


Non ci si accorge che, continuando a costruire strade

e teleferiche, si rende sempre più piccola la montagna.

Arrivare su un colle in teleferica, è una cosa assoluta-

mente diversa dall’arrivarvi a piedi.

Perché la montagna possa essere capita, è necessario

lasciare vasta ‘zona di rispetto’ fra la pianura e i mon-

ti come fra i rifugi e le cime.

Le strade e le altre opere, consentendo che il cittadino

avvicini con facilità la montagna, virtualmente la di-

minuiscono.

I grandi monti sono tolti a poco a poco dal loro iso-

lamento, e finiranno per parere soltanto mucchi di roc-

ce e di ghiaccio.

L’equivoco sta in questo: che molti si illudono di salire

andando con tali mezzi sui monti.

Si rende meschino un ideale per non faticare a raggiun-

gerlo:

è più comodo.

Basta sapersi accontentare.

(G. Mazzotti, La montagna presa in giro)



 

 

Guido_Rey.jpg

 

SULLA STRADA DI CASAultima modifica: 2012-10-26T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo