TUNGUSKA (1)

Precedente capitolo:

una fuga precipitosa (eremiti nella taiga 14) &

Cartesio: il genio e la contraddizione

Prosegue in:

Tunguska 2 &

Tunguska 3 &

Cartesio: il genio e la contraddizione……


 

giuliano lazzari.jpg

 






Nelle prime ore del 30 giugno, al 1° luglio e dall’ 1 al 2, in una

vastissima parte del territorio russo – dalla Siberia al Caucaso,

furono segnalati tramonti straordinari.

Nelle prime ore del 30 giugno, i sismografi della stessa vasta

area registrarono scosse di terremoto della durata di circa due

minuti intervallate nello spazio di un’ora.

L’intensità delle scosse non era tale da destare preoccupazio-

ne e l’epicentro corrispondeva a una zona semidisabitata.

Da Irkutsk, in Siberia, l’Osservatorio magnetico e meteorologi-

co inviò a San Pietroburgo l’informazione relativa a un picco-

lo terremoto locale nelle regioni più a nord, avvenuto tra le

7.14 e le 7.17 del mattino.


meteorite.jpeg


In Inghilterra l’onda sismica, così come l’onda d’aria che la

accompagnava, venne registrato nello Hampshire, a Londra,

a Cambridge.

In Germania l’osservatorio astronomico di Potsam aveva ri-

levato sia onde dirette che di ritorno.

I dati inglesi vennero discussi a Dublino alla riunione annuale

dell’Associazione Britannica, dove si calcolò che la velocità di

propagazione della prima onda di pressione era stata di 323

metri al secondo, mentre quella di ritorno viaggiava appena

più lentamente.

L’onda aveva dunque una forza tale da percorrere il perimetro

terrestre due volte.


090202.Tunguska.1908.jpg


Di nuovo, si disse che non era stato osservato un fenomeno di

così intensa violenza dall’epoca in cui i biografi britannici ave-

vano registrato l’onda di pressione provocata dall’eruzione vul-

canica del Krakatoa.

Anche la trasparenza dell’aria subì dei mutamenti a partire dal

30 giugno 1908, l’intorbidimento venne notato ovunque, la sua

intensità era perfino maggiore di quella provocata dalla diffu-

sione del pulviscolo sollevato dall’esplosione del vulcano; il

campo magnetico terrestre subì delle interferenze.

Tutti questi dati vennereo discussi e analizzati separatamente,

nonostante i fenomeni a cui si riferivano fossero avvenuti nella

stessa data.

Il ‘Times’ di Londra in quei giorni parlava solo del fenomeno

magnetico:

‘Si è verificato un leggero ma deciso fenomeno magnetico mar-

tedì notte; gli studiosi pensano che probabilmente ciò sia avve-

nuto in concomitanza di un aumento dell’attività sulla superfi-

cie solare’.


tunguska_photo_1.jpg


Il 3 luglio il New York Times riportò invece la notizia dei misteriosi

colori dei tramonti nordeuropei. Anche in questo caso la spiegazio-

ne scientifica proposta era collegata all’attività solare: ‘Luci dai colo-

ri davvero rimarchevoli, durate per ore, sono state osservate in cielo

martedì e mercoledì notte in Inghilterra, Belgio e Germania.

A Londra molta gente è stata indotta a credere che un incendio di-

vampasse in città. Il direttore dell’osservatorio britannico di Trep-

tow ha tranquilizzato l’opinione pubblica; non si tratta di un fe-

nomeno preoccupante – ha affermato – bensì del normale effetto

di un’attività solare particolarmente forte.

Il professor Archibald aggiunge però che qualcosa di simile si è

osservato anche dopo l’eruzione del vulcano Krakatoa..’.

Cos’è dunque successo?

Una spaventosa deflagrazione sulle antiche foreste siberiane che

costituiscono la taiga.

Dopo aver sradicato e abbattuto gli alberi nella vasta area dell’epi-

centro per l’immensa forza dell’onda d’urto e del vento micidiale

che essa sprigiona, ha bruciato circa duemila chilometri quadrati

di taiga e ucciso molti animali; sono morte carbonizzate migliaia

di renne, alci, orsi e numerosi altri esemplari della fauna che po-

pola la zona.

Ufficialmente non ci sono state vittime tra gli uomini.


Tunguska shaman.jpg

 

Nella taiga all’epoca si avventuravano solo i nomadi evenki, cac-

ciatori o pastori di renne. Nel 1908 i nomadi non erano censiti, a-

vevano rapporti quasi esclusivamente commerciali con gli immi-

grati russi che incontravano nei villaggi di frontiera per scambia-

re con manufatti e farina le pelli pregiate degli animali che caccia-

vano.

(N. Riccobono, Tunguska)



 

eremiti nella taiga (negli stessi luoghi un altro incredibile in

TUNGUSKA (1)ultima modifica: 2012-11-07T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo