STORIA DELLE NOSTRE FOGNATURE (2)

Precedente capitolo:

storia delle nostre fognature

Prosegue in:

storia delle nostre fognature (3) &

 una conversazione &

forse ciò che ci governa è solo una rosa


 

dall'altra parte del muro: l'istruttoria sommaria








Se agli intellettuali di Checov,                           01du1.jpg 

sempre ansiosi di sapere

cosa sarebbe avvenuto

fra 20-40 anni, avessero

risposto che entro 40

anni ci sarebbe stata

in Russia

un’istruttoria

accompagnata da

TORTURE

che avrebbero stretto

il cranio con un cerchio di ferro, immerso un uomo in un bagno

di acidi, tormentato altri, nudi e legati, con formiche e cimici,

cacciato nell’ano una bacchetta metallica arroventata su un for-

nello a petrolio, schiacciato i testicoli con uno stivale, e, come for-

ma più blanda, suppliziato per settimane con l’insonnia, la sete,

percosso fino a ridurre un uomo a polpa insanguinata, NON U-

NO DEI DRAMMI CHECOVIANI SAREBBE GIUNTO ALLA FI-

NE, TUTTI I PROTAGONISTI SAREBBERO FINITI IN MANICO-

MIO.

E non soltanto i personaggi cechoviani, ma nessun russo normale

dell’inizio del secolo, ivi compresi i membri del partito social-de-

mocratico dei lavoratori, avrebbe potuto credere, avrebbe soppor-

tato una tale calunnia contro il luminoso futuro.

Tutto questo, nel pieno fiore del grande ventesimo secolo, in una

società ideata secondo un principo socialista, negli anni quando già

volavano gli aerei, erano apparsi il cinema sonoro e la radio, fu per-

pretrato non da un unico malvagio, non in un unico luogo segreto,

ma decine di migliaia di belve umane appositamente addestrate, su

milioni di vittime indifese. 

Fu orribile solamente questa esplosione di atavismo, oggi comoda-

mente chiamata ‘culto della personalità’?

O fa la paura che proprio in quegli anni festeggiavamo il centenario

di Puskin? Allestivamo spudoratamente i drammi di Cechov, sebbe-

ne la risposta a essi fosse già stata data? O fa più paura ancora che

trent’anni dopo ci dicano: non se ne deve parlare! ricordate le soffe-

renze di milioni svisa la prospettiva storica! frugare nell’essenza

della nostra indole adombra il progresso materiale!

Ricordate piuttosto gli altiforni accesi, i liminatori, i canali scavati…

no, non parlate di canali…allora dell’oro di Kolyma…no, meglio no …

Del resto potete parlare di tutto, ma con discernimento, senza glori-

ficare….

Non capisco perché malediciamo l’inquisizione.

Non ci furono forse, oltre agli auto da fé, solenni funzioni religiose?

Non capisco perché ci piaccia così poco la servitù della gleba.

Al contadino non era mica vietato lavorare tutti i giorni. Poteva can-

tare a Natale, per l’Epifania le ragazze intrecciavano ghirlande……

Oggi la leggenda scritta e verbale attribuisce esclusivamente all’anno

37 la prassi delle colpe inventate di SANA PIANTA e delle TORTU-

RE.

NON E’ GIUSTO NON E’ ESATTO.

Nei vari anni e decenni, l’istruttoria basata sull’art. 58 non è QUASI

MAI STATA FATTA PER APPURARE LA VERITA’, MA E’ CONSISTI-

TA SOLTANTO IN UNA INEVITABILE SPORCA PROCEDURA: la

persona poco prima libera, a volte fiera, sempre impreparata, DOVE-

VA ESSERE PIEGATA ATTRAVERSO UNA STRETTA CONDUTTU-

RA DOVE I GANCI dell’armatura le avrebbero dilaniato i fianchi,

dove le sarebbe mancato il respiro, tanto da costringerla a supplica-

re di uscirne all’altra estremità, e questa l’avrebbe gettata fuori co-

me indigeno bell’e pronto dell’Arcipelago, della terra promessa.

Più passano gli anni privi di documenti scritti e più è difficile rac-

cogliere le sparse testimonianze dei superstiti.

Essi ci dicono che PROCESSI FASULLI furono intentati fin dai primi

anni dell’esistenza degli organi, perchè fosse sentita la loro insostitu-

ibile, incessante opera salutare, altrimenti con il calo dei nemici, gli

Organi – NON SIA MAI DETTO! – si sarebbero atrofizzati.

(Solzenicyn, Arcipelago Gulag)





 

storia delle nostre fognature


STORIA DELLE NOSTRE FOGNATURE (2)ultima modifica: 2012-11-15T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo