DISASTRO AMBIENTALE (1) (1 maggio 2010) (chi inquina paga…)


Da Bp pagherà 4,5 miliardi di multa


 

disastro ambientale 1


Prosegue in:

disastro ambientale 2 &

Dialoghi con Pietro Autier 2 &

Pagine di storia








Louisiana aprile-maggio 2010: aspettando il petrolio.


Due fra le prime dieci società statunitensi per fatturato (la Exxon

Mobil e la Chevron Texaco) e tre fra le prime venti (le due già cita-

te e la Conoco Phillips) sono società petrolifere. 

Nel 2002 le entrate delle prime dieci società petrolifere statuniten-

si hanno sfiorato i 430 miliardi di dollari. 

Nel 1999 sei delle maggiori aziende a livello mondiale (e nove fra

le prime venti) erano società petrolifere o le loro gemelle, le case a-

utomobilistiche. Le società petrolifere sono potenti e redditizie gra-

zie alla domanda mondiale di petrolio, che viene in prevalenza usa-

to per i trasporti; e in questo settore, fra tutte le categorie di veicoli

domina l’automobile.

Il parco auto mondiale è cresciuto dai 53 milioni di unità del 1950

ai 539 milioni del 2003. Di conseguenza anche la produzione auto-

mobilistica è passata dagli 8 milioni del 1950 agli oltre 41 milioni

del 2003. 

Si prevede che questa tendenza continui a causa dell’incremento

della motorizzazione nei paesi in via di sviluppo: in Cina nel 2003

sono state vendute più di 2 milioni di automobili, l’80% in più ri-

spetto al 2002 e si ritiene che il parco macchine arriverà a 28 mi-

lioni di unità nel 2010.

Sebbene il trasporto aereo rappresenti una percentuale decisa-

mente bassa del consumo petrolifero totale è anch’esso aumen-

tato in modo vertiginoso soprattutto a seguito dell’introduzione

dei jet commerciali: dagli anni 50 il volume dei viaggi aerei è più

che centuplicato, passando dai 28 miliardi di passeggeri/km ai

2942 miliardi del 2002. 

(WorldWatch Institute)





disastro ambientale 1

  

DISASTRO AMBIENTALE (1) (1 maggio 2010) (chi inquina paga…)ultima modifica: 2012-11-17T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo