DISASTRO AMBIENTALE (3) (1 maggio 2010)


Da  Bp pagherà 4,5 miliardi di multa


 

disastro ambientale 3


Precedente capitolo:

disastro ambientale 2

Prosegue in:

disastro ambientale 4

Dialoghi con Pietro Autier 2 &

Pagine di storia






Per comprendere come il petrolio sia passato dallo status di patrimo-

nio a quello di ‘zavorra’, dobbiamo prima renderci conto del suo ruo-

lo nella vita moderna.

Prendiamo in considerazione un cittadino tipo, chiamato signor Rossi,

che vive in una città o in una zona residenziale del mondo industriale,

che un normalissimo sabato mattina si appresta a sbrigare alcune com-

missioni.

Il signor Rossi si alza al suono della radiosveglia, si lava, si mette le len-

ti a contatto, indossa una tuta da ginnastica e un paio di scarpe sporti-

ve. Va in cucina, prende alcuni antistaminici contro il raffreddore e si

gusta una tazza di cereali; si lava i denti, si infila una giacca di nylon

e si avvia, nella pioggerella mattutina, a fare shopping.

Prenderà l’auto o il tram?

Oggi decide per l’auto.

Si ferma al suo negozio preferito di musica, parcheggia, apre l’om-

brello e corre verso l’entrata. Una volta dentro, si guarda un po’ in

giro fino a quando decide di acquistare un paio di CD, e li paga con

la carta di credito.

Ed eccolo un po’ più in là verso il negozio di articoli sportivi, non

prima però di una capatina in pasticceria per una fetta di torta,

dove acquista una racchetta da tennis e una confezione di palle

per il compleanno della signora Rossi. Tornando verso casa, il si-

gnor Rossi si ferma al negozio che vende macchine fotografiche

per comprare una nuova macchina digitale, un altro regalo per

la signora Rossi.

Quindi chiama la moglie al cellulare per sapere se ha bisogno di

qualcosa in farmacia: sì, della crema per le mani e il suo rossetto

preferito. Con alcuni lievi cambiamenti questa situazione potreb-

be descrivere la vita di centinaia di persone da Singapore a Berli-

no, da New York a qualsiasi altro posto nel mondo industrializ-

zato.

Ma provate a immaginare come tutto ciò potrebbe cambiare se un

elemento, il petrolio, uscisse di scena!

Tanto per cominciare, sia le automobili sia i quartieri residenziali

che si allargano a vista d’occhio sono creature del petrolio, e sareb-

bero quindi molto meno diffusi. E a guardar meglio, senza il petro-

lio la nostra storia cambierebbe radicalmente. Tutti gli oggetti qui

di seguito sono almeno in parte prodotti a partire dal petrolio: ra-

dio, tende da doccia, shampoo, lenti a contatto, spazzolini da den-

ti e dentifricio, medicinali e medicine in capsule, tessuti, scarpe, a-

utomobili, gli ombrelli, i CD, le racchette da tennis, le carte di cre-

dito, le penne a sfera, le macchine fotografiche, le pellicole, i tele-

fono cellulari e un numero imprecisato di cosmetici.

E il dolce mangiato dal signor Rossi non è altro che una rappresen-

tazione dell’importante ruolo che il petrolio ricopre nella produzio-

ne agricola, a partire dalla produzione dei macchinari agricoli al

combustibile, all’impiego del petrolio nella produzione dei fertiliz-

zanti e ancora nella lavorazione, nell’imballo e nel trasporto.

E poi ci sono gli arredi e i pavimenti della casa della famiglia Rossi,

nonché il tetto che li ripara e le strade percorse dall’auto del signor

Rossi: migliaia di oggetti.

In molti casi non ci sono sostituti del petrolio disponibili per la rea-

lizzazione di questi beni.

(WorldWatch Institute)



petrolio.jpg
DISASTRO AMBIENTALE (3) (1 maggio 2010)ultima modifica: 2012-11-19T19:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo