J.F.K. (2)

Precedente capitolo:

j f k

Prosegue in:

j f k 3 &

Dialoghi con Pietro Autier 2 &

Pagine di storia






Ma credo…..                                                        kennedy john.jpg

che la storia ricorderà

John Kennedy non solo

per quanto egli ha

compiuto, ma anche

per quello che ha

iniziato.

Le forze che egli

ha destate in questo

mondo saranno

avvertite per

generazioni.

L’esempio che

egli diede, agli

obiettivi che mostrò e gli uomini di valore che attrasse alla politica

e all’amministrazione dello stato influenzeranno la vita del nostro

paese per almeno un decennio.

Il popolo ricorderà non solo ciò che egli fece ma anche ciò che signi-

ficò, e anche questo può aiutare gli storici a giudicare la sua presi-

denza.

Egli significò la perfezione in un’era d’indifferenza, la speranza in

un’era di dubbio, l’anteposizione dell’interesse pubblico all’interes-

se privato, la riconciliazione fra Est ed Ovest, fra bianchi e neri,

fra manodopera e dirigenti.

Egli credette nell’uomo, e insegnò all’uomo a credere nel futuro.

Se i suoi sforzi furono ostacolati, questo fu essenzialmente dovuto

a un senso di sfiducia, al pensiero che le guerre, la recessione, la

povertà e i cattivi politicanti non si potevano evitare, e che tutti i

problemi del mondo erano troppo complessi per essere compresi

e risolti.

Penso che John Kennedy credesse che il suo compito di presiden-

te fosse quello di iniziare una nuova era di speranza: speranza in

una vita nella dignità e nell’uguaglianza, in un mondo in cui trion-

fassero la ragione e la pace e nel futuro …di tutti gli stati democra-

tici.

(Theodore C. Sorensen, Kennedy)




 

kennedy & king.jpg
J.F.K. (2)ultima modifica: 2012-11-22T02:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo