BOBBY LA ‘CORSA’ (non è terminata…)

Precedente capitolo:

(ai profeti) si spara

Foto del blog:

bobby la corsa

non è terminata

Prosegue in:

Pagine di storia &

Dialoghi con Pietro Autier 2

Da:

Frammenti in rima

Una notizia (fra le tante….):

…strangolata nel bosco…..


 

bobby la corsa






Non sono molti i turisti che vanno a Nairobi, di solito sono

viaggiatori di passaggio.

Si fermano per una notte, o poco più, ma le mete del turismo

in Kenya sono altre: i parchi naturali del Masai Mara o dell’-

Amboseli, ma anche il Serengeti e il Ngoro Ngoro, che si tro-

vano in Tanzania.

 

bobby la corsa


Ma il turismo si concentra prevalentemente sulla costa: Mom-

basa, Malindi, Lamu…..spiagge da sogno, villaggi turistici lus-

suosissimi, dove il contatto con la popolazione si limita allo

stretto necessario per imprimere un tocco di esotismo alla va-

canza …in Africa.

Quella del turismo è una delle principali voci di bilancio del

Kenya, che tuttavia non si traduce in reali benefici economi-

ci per la popolazione, e ciò per almeno due ragioni. Molte ca-

 

bobby la corsa


tene alberghiere appartengono a imprenditori occidentali che

trattengono gran parte dei guadagni nelle casse dei propri

Paesi d’origine; inoltre, il turismo è concentrato nelle mani di

pochi imprenditori locali, spesso corrotti.

In questo modo, quella che potrebbe essere la risorsa più impor-

tante per la nazione si riduce a una manciata di posti di lavoro,

per giunta mal pagati.

 

bobby la corsa


Ma i bianchi in Kenya non sono solo turisti.

Soprattutto a Nairobi.

Sono uomini d’affari, commercianti, diplomatici, persone di

molteplici organizzazioni non governative internazionali o di-

pendenti delle molte agenzie delle Nazioni Unite, che nella ca-

pitale posseggono una vera e propria cittadella a Gigiri, dove

lavorano oltre 3.000 persone. Quindi un crocevia di interessi

‘mondiali’….

Diamo un’occhiata, invece, alla realtà locale…

 

bobby la corsa


Kariu è uno slum simile alle altre baraccopoli di Nairobi.

Più piccolo semmai.

Niente a che vedere con quelli di Kibera o Mathare: enormi,

sconfinati. Kibera, specialmente, dicono sia la baraccopoli più

vasta e popolosa d’Africa, con i suoi 800.000 o forse un milio-

ne di abitanti.

Slum che, al contrario di quanto accade in molte altre città

africane, non stanno necessariamente in periferia, ma s’insi-

nuano fin dentro i quartieri più centrali, facendo di Nairobi

una delle metropoli più anomale del continente.

 

bobby la corsa


Una città dove ricchezza e povertà si affiancano, strofinandosi

contro l’altra senza mai mischiarsi davvero; dove se sali sui grat-

tacieli puoi vedere in basso le baracche più misere, mentre dal tet-

to di queste è quasi possibile toccare con mano il lusso degli enor-

mi Shopping Mall.

Il primo e l’ultimo dei mondi che si sfiorano senza incontrarsi.

Il primo e l’ultimo dei mondi a portata di mano di uno stesso

sguardo, così vicini da rendere ancora più stridente e scandalo-

so l’abisso che separa i ricchi dai poveri, i pochi, pochissimi elet-

ti dai milioni di derelitti.

 

bobby la corsa


Milioni di persone come Shikò e la sua famiglia, costrette a vive-

re di espedienti e senza futuro. Milioni di persone, il 60% della

popolazione del Kenya, che si trova al di sotto di quella che vie-

ne definita la ‘soglia della povertà’: 2 (due dollari) al giorno.

Una miseria o quasi, anche qui, come in qualsiasi altro angolo

del pianeta. Pochi spiccioli tiranni della vita di milioni di per-

sone.

Perché al di sotto di questa soglia non è nemmeno più vivere;

significa essere in balia degli eventi, senza cibo o acqua, senza

diritti o parola.

 

bobby la corsa


Pochi spiccioli al giorno e qualche centinaio di dollari all’anno,

tanto quanto si spende in Italia per un paio di scarpe all’ultima

moda o per una borsetta firmata.

La vita di un uomo ancora oggi, qui in Kenya, e in molte parti

del mondo, vale come un bene di consumo qualsiasi. Neppure

indispensabile.

 

bobby la corsa


Spesso la prima e principale ragione per cui i bambini finisco-

no in strada è ancora oggi la povertà.

Una miseria che sta aumentando in molti Paesi, e che si tradu-

ce nella mancanza di mezzi di sostentamento, di garanzie so-

ciali, di istruzione e di assistenza sanitaria; che significa lati-

tanza dello Stato e corruzione.

Una condizione di ingiustizia che investe l’intero pianeta e che

crea un enorme abisso tra il Nord e il Sud del mondo.

 

bobby la corsa


Tutto questo contribuisce a condannare le nuove generazioni

africane a un futuro privo di speranze e di vie d’uscita.

A Nairobi, in Africa, e in molte altre parti del mondo, le con-

dizioni dell’infanzia, nonostante le carte dei diritti e le dichia-

razioni di intenti delle istituzioni internazionali, resta tuttora

drammatica.

Un bambino su due vive in situazioni di povertà estrema!

30.000 muoiono ogni giorno per malattie dovute alla malnu-

trizione o a condizioni igieniche non adeguate, anche se, mol-

 

bobby la corsa


to spesso, si tratta di patologie che potrebbero essere facilmen-

te prevenibili o curabili, come il morbillo, la malaria o una

semplice infezione.

Ancora oggi, in Kenya, 79 bambini su 1000 muoiono entro il

primo anno di vita e 120 su 1000 prima di averne compiuti…

5….

 

bobby la corsa


…Li chiamano così, ‘chokora’, i bambini di strada di Nairobi,

ovvero coloro che vivono di spazzatura. Sono gli ‘scarti’, i

‘rifiuti’ della società.

Di rifiuti si nutrono, di scarti si vestono.

Sono guardati con disprezzo e timore, tenuti alla larga come

degli appestati. Sono pochi coloro che si impietosiscono e re-

galano qualche spicciolo.

Le bambine e i più piccoli hanno maggiore fortuna.

Fanno pena e tenerezza.

 

bobby la corsa


Come Shikò, che è poco più di una bambinetta, insieme con

la sorellina Ireen, ancora neonata. Venire al mondo per lei, ha

voluto dire finire direttamente in strada.

Secondo l’Undugu Society of Kenya, una delle prime e più im-

portanti associazioni che si sono occupate di bambini di strada,

il fenomeno è in costante aumento….

 

bobby la corsa


Secondo questa associazione i dati relativi al Kenya parlano

di circa 115.000 bambini di strada nel 1975; 15 anni dopo, nel

1990, erano 17.000 e, nel 1997….150.000.

Oggi si calcola che nella sola capitale Nairobi ci siano dai ….

50.000 ai 60.000 bambini di strada. Ma sono almeno 500.000

in Kenya i minori in età scolare che non frequentano la scuo-

la e che passano fuori di casa gran parte del loro tempo….

(R. Sesana, Shikò, una bambina di strada)





 

bobby la corsa

BOBBY LA ‘CORSA’ (non è terminata…)ultima modifica: 2012-12-09T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo