(Bobby la corsa) NON E’ TERMINATA….(perché c’è una regina lì in fondo alla strada)

Precedente capitolo:

Bobby la corsa (non è terminata)

Prosegue in:

Pagine di storia &

Dialoghi con Pietro Autier 2

Foto del blog:

Bobby la corsa

non è terminata

Una notizia (fra le tante):

…Strangolata nel bosco….

Da:

i miei libri


 

non è terminata






La chiamano così, the Queen, la Regina, ed è una specie di

istituzione in strada.

Nel bene e nel male.

E’ una persona molto potente e temuta ed è molto attiva.

Una vera leader, che ha contatti anche nelle alte sfere, con

uomini ricchi e potenti (in ogni parte del mondo).

Il suo potere è riconosciuto specialmente dalle bambine di

strada. Si occupa di loro e le sfrutta, se da una parte presta

loro assistenza, dall’altra le fa prostituire.

 

non è terminata


E’ un capo a tutti gli effetti, temuto e rispettato, amato e o-

diato, anche se raramente le bambine ne parlano male. (Ha

donato loro anche un moderno ed efficiente cellulare…).

Solo se approfondiscono il discorso con loro scopri che quel-

la giovane donna le ha costrette a compiere cose terribili.

 

non è terminata


Ma in un primo momento, loro diranno che è stata lei a or-

ganizzare il trasporto in ospedale quando stavano male, a

procurare loro le medicine, a pagare la sepoltura dei morti.

All’inizio the Queen è molto gentile e disponibile con le bam-

bine, in particolar modo quelle che sono appena arrivate in

strada; le aiuta e le consiglia per conquistare la loro fiducia.

Poi, però, si impossessa di loro.

 

non è terminata


In tutti i sensi.

E’ lei che organizza una sorta di cerimonia di iniziazione,

in cui le bambine da poco arrivate in strada, vengono vio-

lentate da più persone, almeno cinque, secondo alcune te-

stimonianze.

E’ un rito…oppure una vendetta.

Questa violenza di gruppo viene chiamata ‘feast’ un terri-

bile ‘festino’ organizzato in angoli bui, in strada, o nelle ba-

si dove vivono di norma gli ‘street children’.

 

non è terminata


Qui le bambine subiscono ripetutamente atti di violenza

sessuale, ed è quella che loro chiamano la Regina a organiz-

zare l’orrendo rito, quasi si trattasse di una sorta di bigliet-

to d’ingresso per la strada, mentre in realtà è un modo per

avviarle (ed abituarle) alla prostituzione, un’attività che

lei stessa gestisce in prima persona.

 

non è terminata


The Queen controlla il mercato del sesso delle bambine di

strada (e gestisce anche…), soprattutto i giri di prostituzio-

ne delle ragazzine più giovani.

E’ anche questo uno dei motivi per cui, in Kenya, alcuni

bambini, specialmente quelli di strada, letteralmente ‘spa-

riscono’ e finiscono nei loschi giri della pedofilia, dove

vengono sfruttati per realizzare filmini e altro materiale

pedo-pornografico con interessi e ‘contatti’ internaziona-

li.

 

non è terminata


I ‘trafficanti del sesso’ (e di esseri umani) sottraggono que-

sti giovani con l’inganno alla strada o addirittura alle lo-

ro famiglie, – promettendo ai genitori – poveri e non istrui-

ti – che li porteranno a vivere in città e che andranno a

scuola (magari in un paese più ricco…)…..

(R. Sesana, Shikò, una bambina di strada)




 

non è terminata

(Bobby la corsa) NON E’ TERMINATA….(perché c’è una regina lì in fondo alla strada)ultima modifica: 2012-12-10T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo