IL MALE COME ORIGINE


Precedente capitolo:

la gnosi e il mondo





 

 

Significativamente, per quanto infondatamente gli ‘Acta

Archelai’, scritto antimanicheo del quarto secolo attribu-

ito a Egemonio, presentano Basilide come precursore , do-

po Sciziano, di Mani.

Il maestro alessandrino interpretava la parabola del ric-

co e del povero come attestante l’universale presenza del

mondo del male.

Del male Basilide conosce una inquietante definizione, lo

chiama ‘NATURA PRIVA DI FONDAMENTO E DI LUO-

GO’, vale a dire  ‘principio’ (a cui niente e nessuno può

confrontarsi).

Il male costituisce dunque per Basilide un’origine.

Del tutto analoga appare la posizione del trattato gnosti-

co ‘Sull’origine del mondo’ nel quale si afferma che l’om-

bra deriva da opera esistente dal ‘principio’.

Ciò equivale a dire che all’origine domina l’ignoranza,

tema che sarà anche del ‘Vangelo di Verità’.

Soprattutto il male è reale, sostanziale.

Da questo punto di vista le definizioni offerte da Mani,

ad esempio, e da Jung, appaiono prossime a quella di

Basilide.

Sia per Mani che per Jung il male è ‘principio’.

Tuttavia per Mani esso si contrappone a Dio, per Jung

ne costituisce un aspetto. 

Clemento Alessandrino riporta un brano del libro XXIII

degli ‘Esegeteci’ nel quale Basilide sostiene la tesi della

innata disposizione al male di ognuno.

La stessa dottrina era condivisa, ma in forma mitigata,

dal figlio di Basilide, Isidoro.

Di Isidoro Clemente riferisce un brano tratto dall’opera

‘Sull’anima avventizia’. Vi si parla delle appendici che

aderiscono all’anima, presumibilmente mentre questa

cala nel mondo terreno attraversando quello celeste e

progressivamente smemorandosi nel fondo oscuro del-

la materia.

Perché secondo Basilide e i suoi discepoli, gli spiriti

malvagi aderirebbero all’anima razionale?

La risposta suona alquanto enigmatica: a causa d’una

iniziale confusa perturbazione.

Come dire che il principio, per essere tale, cioè princi-

pio, e per precedere l’abitare dell’uomo in questa terra,

non sopporta d’essere incorniciato in alcuna proposi-

zione del linguaggio umano.

E a causa d’un immotivato disordine iniziale, che gli

spiriti malvagi hanno appesantito l’anima di ogni per-

versa inclinazione. 

Alle appendici si sarebbero poi aggiunte le nature av-

ventizie, nature eterogenee, come ad esempio ‘quella

del lupo’.

Si troverebbe qui prefigurata, secondo Jung, la conce-

zione d’una personalità inferiore affondata a un estre-

mo nell’istintività dell’animale, rappresentativa di ciò

che non vorremmo essere e che sempre ci accompagna,

globalmente designata come ombra.





 

iujkm.jpg

  
    

IL MALE COME ORIGINEultima modifica: 2012-12-17T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo