LA PESTE

Prosegue in:

la peste 2 &

Dialoghi con Pietro Autier 2 &

gli occhi di Atget

Foto del blog:

una

fotografia

Da:

i miei libri


 

la peste

 

 




Da questo momento in poi si può dire che la peste fu cosa nostra,

di tutti.

Sino a qui, nonostante lo stupore e l’inquietudine suscitati da quei

singolari avvenimenti, ciascuno dei nostri concittadini aveva pro-

seguito le sue occupazioni, come gli era stato possibile, al suo solito

posto.

E certamente questo doveva continuare; ma una volta chiuse le

porte, si accorsero di essere tutti, e anche lo stesso narratore, pre-

si nel medesimo sacco e che bisognava cavarsela. 

 

la peste


….Dopo alcuni giorni, quando fu chiaro che nessuno sarebbe riuscito

a evadere dalla nostra città, si ebbe l’idea di domandare se il ritorno

di quelli che erano partiti prima dell’epidemia poteva essere autoriz-

zato.

Dopo essersi presa alcuni giorni per riflettere, la prefettura rispose

in senso affermativo; ma precisò che i rimpatriati non avrebbero po-

tuto, in nessun caso, lasciare di nuovo la città, e che, s’erano liberi

di tornare, non lo sarebbero stati di andarsene. 

 

la peste

 

E qui alcune famiglie, rare d’altronde, presero la situazione alla

leggera, e sacrificando ogni prudenza al loro desiderio di rivedere

i congiunti, invitarono questi ultimi ad approfittare dell’occasione.

Ma in gran fretta quelli ch’erano prigionieri della peste capirono

il pericolo a cui avrebbero esposto i parenti e si rassegnarono a

sopportare la separazione.

…..In altre circostanze, d’altronde i nostri concittadini avrebbero

trovato una soluzione in una vita più superficiale e più attiva;

ma nello stesso tempo la peste li lasciava oziosi, ridotti a girare

in tondo nella loro tetra città e abbandonati, di giorno in giorno,

agli ingannevoli giochi del ricordo. 

 

la peste


Nelle loro passeggiate senza scopo erano tratti a passare sempre

per le stesse strade, e nella maggior parte dei casi, in una città pic-

cola come la nostra, le strade erano precisamente quelle che in al-

tri tempi avevano percorso con l’assente.

(A. Camus, La peste)



 

 

la peste

 

LA PESTEultima modifica: 2013-02-01T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo