ALH84001 (da dove viene la vita?)

Precedenti capitoli:

Tunguska &

Leonid Kulik (il padre di Tunguska)

Prosegue in:

ALH84001 (2) &

gli occhi di Atget

Foto del blog:

Mazzini:

‘io non sono Nobile’

Da:

 

alh84001


i miei libri


 

285712845.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

Le desolate pianure dell’Antartide sono l’ultimo posto in cui

ci si aspetterebbe di trovare all’opera i cacciatori di meteoriti.

Eppure questa vasta distesa di ghiaccio è l’ideale per svelare

i segreti astronomici.

Se si trova una pietra in Antartide, uno solo è il luogo da cui

può essere giunta: il cielo.


Liela-meteorita-5.jpg


Le meteoriti che cadono sul ghiaccio sono presto sepolte dalla

neve, ma se il lastrone di ghiaccio scivola verso l’oceano, por-

tando con sé le meteoriti, può incontrare ostacoli sotterranei o

sfregare contro le montagne. Le pietre sepolte possono riemer-

gere in superficie, dove sono facilmente individuabili nel bian-

core della neve.

Robert Score era membro della United States Antarctic Search

for Meteorites e alla fine del 1984 è stata incaricata, insieme ai

colleghi, di attraversare il desolato e ventoso ghiacciaio vicino

all’area dei colli Allan. Verso mezzodì del 27 dicembre, Score ha

fermato il suo gatto delle nevi per ammirare una spettacolare

formazione di ghiaccio che sembrava creata da onde congelate.

E’ qui che ha scorto una meteorite sul margine del campo di

ghiaccio.

Esaminata, la pietra si è rivelata di uno strano colore verde, a

parte questo, agli occhi della Score e dei suoi colleghi era solo

un meteorite come tante, una delle oltre cento che avevano rac-

colto in quella spedizione.

La cosa non li ha eccitati più di tanto.

Come sempre, gli scienziati hanno fatto attenzione a non con-

taminare la meteorite verde, riponendola in un’apposita busta

di nylon sterile e sigillandola con nastro di teflon.

Nessuno l’ha toccata a mani nude.


100701.JPG


Per via del suo insolito colore verde è stata la prima meteorite di

quelle raccolte nel 1984 a essere esaminata.

In laboratorio però la pietra presentava solo una normale colora-

zione grigio opaco, ed è stata classificata come una comune dio-

genite proveniente dalla fascia degli asteroidi.

Pertanto, ALH84001 è rimasta nel cassetto per altri quattro anni

prima che se ne riconoscesse l’importanza.

Nell’estate del 1988 Eric Mitthefehldt, un geochimico che stava

conducendo un’esame sistematico delle diogeniti ha prelevato

un campione di ALH84001 per analizzarlo.

La sua curiosità è stata stimolata dalla descrizione originaria se-

condo cui la roccia conteneva alcuni minerali che di norma nel-

le diogeniti sono rari, tra i quali uno dal bizzarro nome di pla-

gioclasio.

Si sapeva anche che conteneva carbonati, ma Eric dava per scon-

tato che si trattasse di prodotti formatisi in Antartide per azione

degli agenti atmosferici.

L’iniziale analisi chimica di un campione non ha rivelato niente

di particolare. Solo nel 1990, quando lo scienziato ha cominciato

a usare una microsonda elettronica su minuscoli granuli inclusi,

la natura unica della meteorite si è lentamente manifestata.

La sonda, che spara un ristretto fascio di elettroni sulla superfi-

cie del campione e stimola l’emissione di raggi X, ha messo in

luce grosse quantità di ferro allo stato ferrico, piuttosto insolito

per le normali meteoriti.

Eric non ha approfondito la questione, attribuendo il risultato

a un errore nelle analisi, ma nel 1993 ha scritto un articolo sulle

diogeniti in cui citava i risultati anomali di ALH84001.

Una revisione dell’articolo lo ha persuaso a ricontrollare il suo

lavoro, e solo quando Eric si è convinto che l’analisi chimica era

corretta si è reso conto che forse ALH84001 non era affatto una

diogenite, bensì una meteorite marziana.

(Paul Davies, Da dove viene la vita)





 

ALH84001-EM4.jpg

 

ALH84001 (da dove viene la vita?)ultima modifica: 2013-02-21T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo