DA TRONDHEIM (a Roma) (4)

Precedente capitolo:

lo straniero (3)

Prosegue in:

(da Trondheim) a Roma (5) &

Ogni infamia sarà cancellata (e donata a chi neppura l’ha pensata) (31/32)

Foto del blog:

da Trondheim

a Roma

Da:

Frammenti in rima



 

da trondheim








Durante l’Avvento, verso la metà di dicembre del 1499,

Sua Santità Alessandro VI visitò la basilica di San Pietro,

per riconoscere, nella cappella della Veronica, il sito del-

la ‘porta aurea’ da riaprire per il giubileo.

Il pontefice dispose per una degna incorniciatura marmo-

rea, incaricò il datario di stendere la minuta della bolla

con l’indulgenza plenaria per chi, forestiero, visitasse quin-

dici volte le quattro basiliche di San Pietro, San Giovanni 

in Laterano e Santa Maria Maggiore (trenta volte per i ro-

mani), ordinò che quattro religiosi, due al giorno e due la

notte, restassero a custodire la basilica di San Pietro in mo-

do che nulla di disonesto vi avvenisse durante la prossima

ininterrotta apertura.

 

da trondheim


Si scoprì che nel punto indicato dai canonici e popolo non

vi era mai stata alcuna porta, ma per non contraddire la de-

vozione fu comunque ordinato che il muratore mastro Tom-

maso Matarazzo avesse ad assottigliare il muro, sì che il pa-

pa, all’ora dei Vespri di Natale, potesse abbatterlo premen-

do con la mano.

Molti romei si erano già messi in viaggio.  Dai più lontani

luoghi. Questa volta non dalla Groenlandia; la colonia scan-

dinava che aveva avuto il suo pastore nel vescovo di Gar-

dar era ormai estinta, per la malnutrizione, le epidemie, pro-

babilmente l’inversione al peggio della tendenza climatica.

Nei tempi buoni questi cristiani avevano pagato l’obolo in

ossa di balena, che venivano vendute a Bruges a beneficio

della Camera Apostolica.

 

da trondheim


L’arcivescovo di Trondheim, come da poco si chiamava 

(prima era stata Nidaros, poi sarà Trondheim), era il capo

della provincia ecclesisatica cattolica più remota del conti-

nente. 

Per latitudine il sito si trova solo di poco a sud della costa

islandese; le notti sono brevi d’estate, i giorni brevissimi d’-

inverno, ma il mare è sempre sgombro dai ghiacci.

La piccolissima città era su un meandro della Nidelva po-

co a monte del suo sbocco al mare nel fiordo, ma c’erano poi

oltre 100 chilometri d’acqua perché si fosse in mare aperto,

fuori dal fiordo e al largo delle isole costiere. 

 

da trondheim


L’età delle chiese di legno vichinghe, elastiche al vento e al-

la neve, costruite con tecnica di carpenteria marinaresca e in-

tagliate come prue di navi, era tramontata, ma probabilmen-

te a Trondhjem di edifici in pietra non v’era molto più dell’ar-

cigno palazzo arcivescovile e della Domkirke, l’inaspettata 

grandissima cattedrale medievale di tutta la Scandinavia.

La città di Bergen, tappa obbligata nel lungo viaggio del ro-

meo, era uno dei punti fondamentali del commercio anseati-

co; il florido ‘kontor’ aveva grossi privilegi, da molti subiti 

più che accettati; esportazioni e importazioni norvegesi era-

no ormai in mani tedesche: pesce e pellicce contro cereali, 

vino e tessuti.

 

da trondheim


Da Bergen alla città anseatica di Amburgo vi era una naviga-

zione di oltre 500 miglia marine. Si seguiva la costa norvege-

se, con gli abeti sopra le rocce fitte di uccelli marini, un bian-

core di ghiacci sui monti arrotondati sopra gli abeti. 

Tagliato l’imbocco dello Skagerrak, nel Mare del Nord si se-

guivano le quasi invisibili rive dello Jutland e le isole setten-

trionali della Frisia; era un paesaggio incerto, di bassi fondali

 

da trondheim


e di basse terre, la divisione tra i due universi mutevole o per

maree e burrasche o per dighe costruite, distrutte, rinnovate:

‘Dio ha creato il mare e la terra’ dice un proverbio della Frisia,

‘i frisoni hanno fatto la costa’.

Il momento più delicato della navigazione era probabilmen-

te l’individuazione dell’estuario dell’Elba. Su un’isolaletta di

dune sabbiose quelli di Amburgo avevano costruito, già al

principio del 300, il faro di Neuwerk, il più antico della costa

tedesca. 

(Prosegue…..)






 

da trondheim


DA TRONDHEIM (a Roma) (4)ultima modifica: 2013-07-23T09:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo