IL MERCANTE DI ARMATURE…. (finché c’è guerra c’è speranza) (2)


Precedente capitolo:

il mercante di armature

Prosegue in:

il mercante di armature (3)

Un sito:

disarmo.org

 


 

il mercante di armature: 1488 da milano a mont-saint-michel



 







Milano era forse la città più ricca d’Italia, il paese più ricco d’Euro-

pa.

C’era l’agricoltura della grassa campagna irrigua; una dinamica ma-

nifattura che esportava oltralpe, fino in Catalogna e Castiglia e che

ora comprendeva anche la seta, le terre a settentrione essendo pun-

teggiate di gelsi.

“Non ad altro si attendeva”, scrive un cronista, “che ad accumulare

ricchezze, per le quali era aperta ogni via”.

Nei terreni di sua proprietà, lungo la cerchia dei Navigli, dietro

San Nazaro in Brolo, Francesco Sforza aveva fatto costruire al Fila-

rete (1456) il grande Ospedale Maggiore, un”opera sociale’ in cui il

cotto della tradizione lombarda decorava spazi di respiro rinasci-

mentale.

In questi anni di Ludovico il Moro, dal 1480 alla fine del secolo, nel

castello di Porta Giovia, in cui erano continuamente in corso lavori

di trasformazione, la vita di corte era sontuosa e colta. Dotti e artisti

trovavano a Milano ospitalità e fortuna; attorno agli Sforza, i molti

fili della cultura italiana del tempo sembrano intrecciarsi e in certa

misura fondersi.

Oltre tutto risiedevano a Milano e operavano al servizio sforzesco

due geni artistici.


leonardo4.png


Leonardo, che possedeva una vigna suburbana tra le Grazie e San

Vittore al Corpo, un regalo del Moro, aveva cominciato col presen-

tare al duca una lira che ‘aveva fabbricato d’argento gran parte in

forma d’un teschio di cavallo, cosa bizzarra e nuova’.

Farà di tutto: alcuni dei suoi capolavori, consulenze ingegneristiche,

opere idrauliche, il ritratto dell’amante del duca Cecilia Gallerani, la

regia di feste come quella delle nozze di Gian Galeazzo con Isabella

d’Aragona.


annunciazione.jpg


Meditava, studiava, scriveva, fantasticava, forse vedeva veramente

nelle macchie dei muri ‘similitudini di diversi paesi, ornato di mon-

tagne, fiumi, sassi, alberi, pianure, grandi valli e colli….strane arie di

volti, e abiti e infinite cose…’.

(L. Camusso, Guida ai viaggi nell’Europa del 1492)







cenacolo.jpg

 

IL MERCANTE DI ARMATURE…. (finché c’è guerra c’è speranza) (2)ultima modifica: 2013-09-03T16:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo