IL MERCANTE DI ARMATURE…. (finché c’è guerra c’è speranza)


Precedente capitolo

1446 da Firenze a Bruges (la strada della banca 7)

Prosegue in:

il mercante di armature (2)

Un sito:

www.disarmo.org


 

il mercante di armature: 1488 da milano a mont-saint-michel




 


il mercante di armature: 1488 da milano a mont-saint-michel

 









Nelle botteghe delle strade dietro il Broletto verso San Satiro,

a Milano, dove tecnici esperti modellavano gli ACCIAI delle

armature, la cosa era ovviamente nota e appariva normale.

Mercanti erano in viaggio su molte vie con le loro mercanzie,

in carovane di muli, coi carri, utilizzando barche sui fiumi; non

se avevano molte notizie dopo la partenza, i familiari attende-

vano il ritorno confidando in Dio.


leoardo1.jpg

 

Il prezzo cresce insieme alla domanda e la domanda delle armi

con la guerra; portare il prodotto là dove serve per il mercante

d’armi comporta dei rischi.

E’ il mestiere.

Ma, balzando dai documenti, la notizia dei mercanti milanesi che

girano fra le tende dell’esercito offrendo le ben temperate corazze,

la vigilia della battaglia di Saint-Aubin-du-Cormier, nella campa-

gna di Bretagna del 1488, incuriosisce, sorprende, fa scattare sug-

gestive immagini, come sempre avviene quando la quotidianità

sommessa interseca il clangore della storia maggiore.


leonardo2.jpg

 

Saint-Aubin-du-Cormier è un sito della campagna bretone, vicino

al confine del ducato del regno di Francia. Un formidabile castello,

oggi solo rovine, sorgeva tra uno stagno e un profondo burrone.

Lo scoglio roccioso di Mont-Sant-Michel, tra le mutevoli e le veloci

onde di marea, è a meno di una cinquantina di chilometri di distan-

za, ma in Normandia.

Attorno a Saint-Aubin-du-Cormier si combatté aspramente nella

giornata del 27 luglio 1488. Da un lato c’erano gli uomini del re di

Francia, comandati dal men che trentenne Louis la Tramoille, il fu-

turo ‘chavalier sans reproche’ di tutte le guerre d’Italia, che morirà

nella disastrosa mischia di Pavia; dall’altro le genti d’arme del du-

ca di Bretagna e di altri grandi signori ribelli che si erano uniti nel-

la ‘guerra folle’.


leonardo4.jpg

 

La vittoria del giovane generale lealista ebbe conseguenze politiche

di varia entità; il brillante periodo di sostanziale indipendenza della

Bretagna dei duchi di Montfort, che al re di Francia prestavano solo il

formale omaggio feudale, si avviò velocemente al termine un futuro

re di Francia, il duca di Orléans, fatto prigioniero sul campo, cominciò

un triennio di reclusione, principesca ma stretta; un trattato impose che

la dodicenne figlia del duca di Bretagna, Anna, la più appetita eredi-

tiera di Francia, non avrebbe potuto sposare senza il consenso del re

e questo pose le premesse per il suo matrimonio con lo stesso monar-

ca di lì a tre anni; l’intelligente storico Philippe de Commynes, fine di-

plomatico ed esperto navigatore politico finì rinchiuso per cinque me-

si in una gabbia di ferro.


leonardo5.jpg

 

Nella lontana Milano, da dove gli ‘armieri’ ambulanti avevano comin-

ciato il loro viaggio verso il cuore della Francia, era signore un figlio

di Francesco Sforza, Ludovico Maria detto il Moro, un personaggio che

era stato educato alla cultura umanista da Francesco Filelfo e che per

quattro o cinque anni si era fatto strada verso il potere che non gli sa-

rebbe spettato, a forza di astuzia, dissimulazione, prepotenza e intrigo.

La città aveva le vie centrali selciate, l’ambizioso duomo gotico in co-

struzione dal 1386 e un sistema di ‘navigli’ nel quale erano stati utili-

sticamente coordinati corsi d’acqua naturali e canali quali il Naviglio

Grande, derivato dal Ticino, il Naviglio Pavese, che restituiva le ac-

que allo stesso fiume, la Martesana derivata dall’Adda e cominciata

a scavare nel 1457.

Collegata all’anello di acque che racchiudeva il centro urbano, tale

rete, via via perfezionata, era stata navigabile; le acque a vario livel-

lo erano delle ‘conche’ costruite a partire dalla metà del 400.

(L. Camusso, Guida ai Viaggi nell’Europa del 1492)






 

leonardo8.jpg

 

IL MERCANTE DI ARMATURE…. (finché c’è guerra c’è speranza)ultima modifica: 2013-09-03T15:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo