DEDICATO AD UN LUPO (ucciso…) (soltanto per pazzi…)

Prosegue in:

Dedicato ad un lupo… (2) &

Dialoghi con Pietro Autier 2 & 

gli occhi di Atget

Foto del blog:

Un lupo ucciso &

Un lupo ucciso (2)

Da:

i miei libri

 

 

ls2

 

 

 

 

 

Il giorno era trascorso come appunto trascorrono i giorni; lo avevo

passato, lo avevo delicatamente ammazzato con la mia timida e

primitiva arte di vivere; avevo lavorato alcune ore, sfogliato vecchi

libri (come una antica nostalgia), avevo avuto per due ore un dolo-

re come capita alle persone anziane, avevo preso una polverina

godendomela al pensiero che si può vincere il dolore con l’astuzia,

avevo fatto un bagno caldo sorbendomi il delizioso calore, ricevuto

tre volte la posta e scorso quelle inutili lettere e stampe, avevo fat-

to i miei esercizi di respirazione ma omesso per comodità gli eser-

cizi di pensiero, ero andato a passeggiare un’oretta e avevo trovato

disegnati nel cielo certi modelli di nuvolette delicate e preziose.

 

ls41

 

Tutto era molto bello, tanto la lettura dei vecchi libri quanto l’immer-

sione nell’acqua calda, ma tutto sommato non era stata una gior-

nata di felicità entusiasmante né di gioia raggiante, bensì una di

quelle giornate che da parecchio tempo dovrebbero essere per me

normali e comuni: giornate moderatamente piacevoli, abbastanza

sopportabili, giornate tiepide e passabili d’un uomo non più giovane

e malcontento, giornate senza dolori particolari, senza particolari

preoccupazioni, senza crucci veri e propri, senza disperazione,

giornate nelle quali si esamina pacatamente, senza agitazioni o ti-

mori, la questione se non sia ora di seguire l’esempio di Adalberto

Stifter e di esser vittime di una disgrazia facendosi la barba.

 

ls42

 

Chi ha assaggiato le altre giornate, quelle cattive (e sì che ce ne

sono state.. ma speriamo che la pace torni a regnare in questo

mondo…), quelle con gli attacchi di gotta e col mal di testa appo-

stato dietro i bulbi degli occhi, che trasforma, con diabolica stre-

goneria, ogni gioiosa attività dell’occhio e degli orecchi in una tor-

tura, o quelle giornate di lenta morte spirituale, le maligne giorna-

te di vuoto interiore e di disperazione nelle quali, in mezzo alla

terra distrutta e svuotata dalle società per azioni, gli uomini e la

così detta civiltà col suo orpello di latta mentito e volgare ti ghi-

 

ls48

 

gnano incontro ad ogni passo come un emetico concentrato e

portato nel proprio io malato all’apice dell’insofferenza: chi ha as-

saporato quelle giornate infernali si dice ben soddisfatto dei giorni

normali e così così, dei giorni come questo, e si siede riconoscen-

te presso la stufa calda, nota riconoscente, alla lettura del giorna-

le, che nemmeno oggi è scoppiata una guerra (e speriamo nem-

meno quella per il nostro comune futuro…), che non è sorta un’-

altra dittatura (ci vuole sempre una conciliante democrazia), non

si è scoperta alcuna grossa porcheria nella politica (cerchiamo

 

ls44

 

di confermare il buon vivere a tutti i livelli sociali…) e nell’econo-

mia, e con gratitudine accorda la sua lira arrugginita per intonar-

vi un salmo di grazie moderato, passabilmente lieto, quasi alle-

gro, con cui annoiare il suo Dio della contentezza, un Dio così

così, silenzioso (secondo e senza parola…) soave, un po’ inton-

tito dal bromuro, sicché nell’aria grassa e tiepida di questa noia

(e di quel Dio, sempre uguale, pregato e difeso con gli stessi

accadimenti… cacciatore di lupi per queste infinite steppe, alla

fredda parola di un Primo … Dio… silenzioso e simmetrico al

mio invisibile dire… fantasma di una neve caduta al mattino

 

ls43

 

non ancora pregato al capezzale del vostro Secondo… Dio..)

soddisfatta, della benvenuta assenza di dolore quei due, il Dio

così così, triste e appisolato, e l’uomo così così, leggermente

brizzolato e intento a cantare sommessamente il salmo, si

assomigliano come due gemelli….

Sono una bella cosa la contentezza, l’assenza di dolore, le

giornate tollerabili e accucciate nelle quali né il dolore né il pia-

cere osano alzar la voce, ma tutto bisbiglia e cammina in pun-

ta di piedi. Se non che io sono purtroppo fatto così, non sop-

porto questa contentezza, che dopo un po’ mi diventa odiosa e

 

ls40

 

insopportabile e ributtante, e devo rifugiarmi disperato in altre a-

tmosfere, possibilmente passando per vie del piacere ma, in

caso di bisogno, anche per le vie del dolore.

Quando sono stato per un po’ senza piaceri e senza dolori e ho

respirato l’insipida sopportabilità delle così dette giornate, la mia

anima infantile è talmente agitata dal vento della miseria che pren-

do la lira arrugginita della gratitudine e la scaglio in faccia al son-

nacchioso e soddisfatto Dio della contentezza e della ricchezza…

e preferisco sentirmi ardere da un dolore diabolico piuttosto che

vivere in questa temperatura sana….

 

(Prosegue…)

(H. Hesse, Il lupo nella steppa)

(Le opere pittoriche proposte sono di: I. Shishkin)

 

 

 

 

 

 

ls49

DEDICATO AD UN LUPO (ucciso…) (soltanto per pazzi…)ultima modifica: 2014-01-04T01:02:25+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento