L’INGLESE DETTO 7 E IL TEDESCO 8 (3)

Precedente capitolo:

L’inglese detto 7 (2) & (1)

Prosegue in:

Il tedesco 8  (1)  &  (2)  & 

Il Dio dell’abbondanza 

Foto del blog:

l’inglese detto 7

e il tedesco 8

Libri, appunti, dialoghi in:

i miei libri

 

gg3

  

 

 

 

 

– Una cosa non capisco, come mai gli americani non abbiano

scoperto nulla laggiù.

– Glielo ha domandato, signore?

– Naturalmente no. Non mi fido della loro discrezione.

– Forse loro non si fidano della nostra.

Il capo disse: – Quei disegni….li ha esaminati?                       kjmnjhg.jpg

– Non sono molto esperto in quel campo, signore.

Li ho ritrasmessi subito.

– Allora li guardi bene adesso.

Il capo dispose i disegni sulla scrivania.

Hawthorne si scostò con riluttanza dal radiatore e fu

immadiatamente scosso da un brivido.

– Qualcosa non va?

– Avevamo 34 gradi, ieri, a Kingston.

– Le si sta assottigliando il sangue. 

Un po’ di freddo le farà bene. Che cosa ne pensa?

Howthorne fissò i disegni. Gli ricordavano….qualcosa.

Si sentì invaso, senza sapere perché, da una strana sensazione

di disagio.

– Ricorderà i rapporti che li accompagnavano, disse il capo.

– La fonte era sbarra tre. Di chi si tratta?

– Se non sbaglio è l’ingegner Cifuentes, signore.

-Bene, anche lui non è riuscito a capire. Nonostante tutte le 

conoscenze tecniche. 

Queste macchine venivano trasportate con autocarri dal 

comando dell’esercito, a Bayamo, ai margini della foresta.

Poi gli autocarri furono sostituiti da muli.

Direzione generale, quelle inesplicabili piattaforme di cemento.

– Che cosa dice il Ministero dell’aeronautica, signore?

– Sono preoccupati, molto preoccupati. Ed anche incuriositi,

naturalmente.

– E gli specialisti delle ricerche atomiche? 

– Ancora non abbiamo mostrato loro i disegni.

Lei sa bene come è fatta quella gente.

Si affretterebbero a criticare i minimi particolari, direbbero che

l’intera faccenda non è attendibile, che il tubo è sproporzionato

o puntato dalla parte sbagliata.

Non si può pretendere che un agente il quale disegna a memoria

non sbagli alcun particolare.

(G. Greene, Il nostro agente all’ Avana)

 

 

 

 

 

gg5

    

L’INGLESE DETTO 7 E IL TEDESCO 8 (3)ultima modifica: 2014-03-12T07:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo