DUE POESIE PER L’INQUISITORE (anima immortale)

 

Prosegue in:

Seconda poesia &

Mentre nascevo

Foto del blog:

Mentre nascevo (1)  &  (2)

Da:

i miei libri

 tc0

 

 

 

 

Di cervel dentro un pugno io sto, e divoro

tanto, che quanti libri tiene il mondo

non saziar l’appetito mio profondo:

quanto ho mangiato! e del digiun pur morto!

D’un gran mondo Aristarco, e Metrodoro

di più cibommi, e più di fame abbondo;

disiando e sentendo, giro in tondo;

e quanto intendo più, tanto più ignoro.

Dunque immagin sono io del Padre immenso,

che gli enti, come il mar li pesci, cinge,

e sol è oggetto dell’amante senso;

cui il sillogismo è stral, che al segno attinge;

l’autorità è man d’altri; donde penso

sol certo e e lieto chi s’illuia e incinge.

(Tommaso Campanella)

 

 

 

 tc5

 

DUE POESIE PER L’INQUISITORE (anima immortale)ultima modifica: 2014-09-30T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo