STREGONI (3)

Precedenti capitoli:

Stregoni (2)

Stregoni

Prosegue in:

Dialoghi con Pietro Autier 2:  Carlos Castaneda &

Gli occhi di Atget:  Carlos Castaneda (2)

Foto del blog:

Rudolf Otto

Da:

i miei libri

    volcan1

 

 

 

 

‘ Cosa videro mai gli antichi stregoni per arrivare a

concludere che la percezione avviene nel punto di

unione?’.

Volli sapere.

Don Juan mi spiegò che, per prima cosa, loro avevano

visto che solo un numero molto limitato dei milioni di

filamenti dell’energia luminosa dell’universo che attra-

versano tutto l’uovo luminoso passano direttamente

nel punto di unione, come era in fondo prevedibile vi-

ste le sue dimensioni ridotte rispetto al resto.

Inoltre, videro che un’ulteriore luminiscenza sferica,

appena più grande del punto di unione, gli fa sempre

da alone, intensificando moltissimo lo splendore dei

filamenti che attraversano direttamente quella lumi-

nosità.

Infine, videro due cose.

La prima, che i punti di unione degli esseri umani

possono spostarsi da soli da dove sono sistemati di

solito.

La seconda, che quando il punto di unione è nella

posizione abituale, la percezione e la consapevolez-

za sembrano normali, a giudicare dal comportamen-

to dei soggetti osservati.

Ma quando i punti di unione e le sfere di luminosità

che li circondano sono in una posizione diversa da

quella abituale, l’insolito comportamento sembra

comprovare che la loro consapevolezza è diversa, e

che la percezione non avviene più nel modo a loro

familiare.

La conclusione cui erano pervenuti gli antichi stre-

goni era che a un maggiore spostamento dal punto

di unione dalla sua posizione abituale corrisponde-

va un comportamento più insolito e, chiaramente,

anche consapevolezza e percezione erano fuori dal-

la norma.

“Nota che quando parlo di ‘vedere’, dico sempre

‘sembrano’ o ‘appaiono’ mi avvertì don Juan.

 

(Il metodo della somma sui cammini non si applica

solo a questa situazione specifica, ma ha valenza ge-

nerale. Se per la fisica classica il presente ha un pas-

sato univoco, le funzioni d’onda della meccanica

quantistica allargano i confini della storia: nella

formulazione di Feynman il presente osservato

rappresenta un’amalgama, una sorta di media di

tutti i possibili passati compatibili con quanto ora

osserviamo. B. Greene)

 (C. Castaneda, L’arte di sognare)

 

 

 

 

don juan 2

 

STREGONI (3)ultima modifica: 2015-10-07T04:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo