UN FOLIO

Da   http://pietroautier.myblog.it

       http://giulianolazzari.myblog.it

L’abbazia arse per tre giorni e per tre notti e a nulla valsero

gli ultimi sforzi. Già nella mattinata del settimo giorno della

 nostra permanenza in quel luogo, quando ormai i superstiti

 si avvidero che nessuno edificio poteva più essere salvato,

quando delle costruzioni più belle diroccarono i muri esterni,

e la chiesa, quasi avvolgendosi su di sé, ingoiò la sua torre, 

a quel punto mancò a ciascuno la volontà di combattere contro

il castigo divino.

Sempre più stanche furono le corse ai pochi secchi d’acqua

rimasti, mentre ancora ardeva quietamente la sala capitolare

con la superba casa dell’abate.

Quando il fuoco raggiunse il lato estremo delle varie officine,

 i servi avevano da tempo salvato quante più suppellettili

potevano, e preferirono battere la collina per recuperare almeno

 parte degli animali, fuggiti oltre la cinta nella confusione della

 notte.

Vidi qualcuno dei famigli avventurarsi entro quello che rimaneva

 della chiesa: immaginai che cercassero di penetrare nella cripta

del tesoro per arraffare, prima della fuga, qualche oggetto prezioso.

Non so se ci siano riusciti, se la cripta non fosse già sprofondata,

se i gaglioffi non siano sprofondati nelle viscere della terra nel

tentativo di raggiungerla.

( U. Eco, Il nome della rosa )

gui.jpg

 

 

 

UN FOLIOultima modifica: 2010-05-30T20:00:00+02:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento