AL SAVOY (breakfast dance)

Precedente capitolo:

malcom-e-il-jazz.html

Prosegue in:

negli-stessi-anni.html

 

al savoy


 

…Al Savoy, quasi tutti i clienti erano negri, ma i bianchi non mancavano.

Ne venivano parecchi soprattutto in occasione delle ‘battaglie di orchestre’

che vedevano la formazione di Webb a confronto con altre ugualmente

popolari, non esluse quelle bianche.

 

al savoy

‘Le battaglie al Savoy erano delle cose molto importanti – ha ricordato

Sandy Williams, uno dei trombettisti di Webb – Noi entravamo in allenamento

come per un incontro di boxe. Gli ottoni provavano al piano di sotto, i

sassofoni al piano di sopra e la sezione ritmica in qualche altro posto.

Noi avevamo la reputazione di spazzar via ogni orchestra che venisse

al Savoy; ma non quella di Duke.

 

al savoy

Il posto era gremito la sera che venne lui, e quando incominciammo a

suonare noi facemmo venire giù la sala.

Poi attaccò lui, e suonò un pezzo dopo l’altro.

Tutti dondolavano in ritmo assieme a lui. A un certo punto vidi Chick

che sgattaiolava via, diretto verso l’ufficio.

Non posso sopportarlo,

mi disse,

Questa è la prima volta che siamo stati veramente fatti fuori.

Lo stesso Williams dovette però riconoscere che ci furono altre serate in

cui l’orchestra del piccolo re del Savoy fu messa in difficoltà: la volta che

venne Goodman, con Krupa, Lionel Hampton, Teddy Wilson e Harry

James, per esempio, quando dovettero essere respinte ben 20.000 persone

 

al savoy

che avrebbero voluto entrare nel locale, o quell’altra in cui arrivò Count

Basie, o quella in cui gli uomini di Webb si scontrarono con quelli dell’

orchestra Casa Loma.

Una serata al Savoy – una qualsiasi, ma in special modo quelle del sabato,

che poi erano delle nottate perché finivano alle otto del mattino, con

‘breakfast dance’, il ‘ballo della prima colazione’ – costituiva un’eccitante

esperienza anche per il bianco, soprattutto se era di quelli che amavano

 

al savoy

il jazz. Come Otis Ferguson, uno dei primi appassionati cronisti della

musica afro-americana, che, su ‘The New Republic’, pubblicò una vivace

descrizione di una di quelle nottate.

‘Centinaia di persone (anche 1600) – si legge tra l’altro in quell’articolo,

scritto nel 1936 – sono sulla pista o sedute ai tavoli, o dinnazi al bar; lontano,

in un angolo, c’è una fila di taxi girls, due monetine per tre balli; dal soffitto

piombavano delle luci rosate e dovunque succede qualcosa. Ma il centro

 

al savoy

vitale della sala è qui sopra, sul podio, dove stanno, allineati su due file,

i ragazzi dell’orchestra, che battono i piedi ritmicamente e sudano sui loro

strumenti, facendo sussultare il pavimento; qui, dove la campana del

sousaphone sembra una luna piena che manda i suoi bagliori sui ballerini

e dove la pulsante sezione ritmica – chitarra, piano e contrabbasso –

imbriglia tutta questa straripante energia costringendola a seguire il tempo.

E quando gli uomini di Teddy Hill cominciano a suonare l’ultimo ritornello

di un loro cavallo di battaglia intitolato ‘Christopher Columbus’ con quelle

trascinanti figure disegnate dagli ottoni e coi sassofoni a dargli corpo, i

 

al savoy

ballerini si scordano di ballare e si affollano attorno al podio, e lì registrano

il ritmo soltanto nei muscoli e nelle ossa, restando fermi e lasciandoselo

rovesciare sulle facce rivolte all’insù, come se fosse acqua.

Il pavimento sussulta, e il locale sembra una dinamo, e l’aria fumosa si

innalza a onde….E’ una musica che anche i sordi riuscirebbero a sentire’.

(A. Polillo, Jazz)

 

 

al savoy


AL SAVOY (breakfast dance)ultima modifica: 2011-05-15T08:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento