AMMAZZARE IL TEMPO (la nostra infanzia) (12)

Precedenti capitoli:

Ammazzare il Tempo (chi lo ha ucciso?) (10/11)

Prosegue in:

Ammazzare i Tempo (la nostra infanzia) (13)

Foto del blog:

Ammazzare il Tempo (1)

Ammazzare il Tempo (2)

Da:

i miei libri

 

 

js6

 

 

 

 

Il movimento evolutivo sarebbe cosa semplice, e non ci vorrebbe

molto a determinarne la direzione, se la vita descrivesse una

traiettoria unica, paragonabile a quella di una palla sparata da un

cannone.

Ma qui abbiamo a che fare con una granata, che è subito esplosa

in frammenti, i quali, essendo anch’essi esplosivi, sono a loro vol-

ta scoppiati in altri frammenti destinati a esplodere ancora, e così

via per moltissimo tempo.

 

js2

 

Noi percepiamo solo ciò che ci è più vicino, i sommovimenti dis-

seminati di piccolissime esplosioni. Ed è da qui che dobbiamo

partire, per risalire, grado dopo grado, fino al movimento origina-

rio.

Quando la granata esplode, il suo frammentarsi si spiega sia per

la forza esplosiva della polvere che contiene, sia per la resistenza

del metallo. Lo stesso vale per il frammentarsi della vita in individui

e specie, che è dovuto, crediamo, a due serie di cause: la resisten-

 

js8

 

za che la vita incontra da parte della materia grezza, e la forza e-

splosiva – dovuta a un instabile equilibrio di tendenze – che la vi-

ta porta in sé.

La resistenza della materia grezza è l’ostacolo che sin dall’inizio

è stato necessario superare. La vita sembra esserci riuscita a for-

za di umiltà, facendosi molto piccola e insinuante, scendendo a

compromessi con le forze fisiche e chimiche, accondiscendendo

addirittura a fare con esse un tratto di cammino, come l’ago dello

scambio quando assume per qualche istante la direzione della ro-

taia da cui vuole separarsi.

 

js5

 

Non si può dire se i fenomeni osservati nelle forme elementari del-

la vita siano ancora fisici e chimici, oppure se siano già fenomeni

vitali. Fu così necessario che la vita entrasse nelle abitudini della

materia grezza per trascinare a poco a poco su un’altra strada la

materia magnetizzata.

Le forme animate che apparvero all’inizio furono, dunque, estre-

mamente semplici: piccole masse di protoplasma appena diffe-

renziato, paragonabili esteriormente alle amebe che conosciamo

oggi, ma  con in più la formidabile spinta interiore che le avrebbe

innalzate sino alle forme superiori della vita.

 

js9

 

E’ probabile che in virtù di questa spinta i primi organismi abbiano

tentato di ingrandirsi il più possibile: ma la materia organica ha un

limite di espansione che viene ben presto raggiunto.

Piuttosto che crescere al di là di un certo punto, essa si sdoppia.

Furono senz’altro necessari secoli di sforzi e prodigi di sottigliez-

za affinché la vita superasse questo nuovo ostacolo. Essa riuscì

a fare in modo che un numero sempre maggiore di elementi pron-

ti a sdoppiarsi restassero uniti.

(Prosegue…)

(H. Bergson, L’evoluzione creatrice)

(Fotografie di: Johannes Stotter)

 

 

 

 

js15

 

AMMAZZARE IL TEMPO (la nostra infanzia) (12)ultima modifica: 2013-11-30T20:03:26+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento