IL RUOLO DELL’INTELLETTUALE: ‘Penitenziagite’ ovvero l’intellettuale Straniero alle false Eresie del suo Tempo (5)

 

pz0bis

 

 

Precedenti capitoli:

Il ruolo dell’Intellettuale (1/4)

Prosegue in:

Il ruolo dell’Intellettuale (6)

Foto del blog:

Il ruolo dell’Intellettuale  (1)  (2)  (3)  (4)

Da:

i miei libri

 

 

pz0

 

 

 

 

 

La chiesa non era maestosa come altre che vidi in seguito a

Strasburgo, a Chartres, a Bamberga e a Parigi. Assomigliava

piuttosto a quelle che già avevo visto in Italia, poco inclini a e-

levarsi vertiginosamente verso il cielo e saldamente posate a

terra, spesso più larghe che alte; se non che ad un primo livel-

lo essa era sormontata, come una rocca, da una serie di mer-

li quadrati; poi vidi un trono posto nel cielo e uno assiso sul tro-

no.

Il volto dell’Assiso era severo e impassibile, gli occhi spalancati

e dardeggianti su di una umanità terrestre giunta alla fine della

sua vicenda, i capelli e la barba maestosi che ricadevano sul

volto e sul petto come le acque di un fiume, in rivoli uguali e

simmetricamente bipartiti.

 

pz5

 

La corona che portava sul capo era ricca di smalti e di gemme,

la tunica imperiale color porpora gli si disponeva in ampie volute

sulle ginocchia, intessuta di ricami e merletti in fili d’oro e d’ar-

gento. La mano sinistra, ferma sulle ginocchia, teneva un libro

sigillato, la destra si levava in attitudine non so se benedicente o

minacciosa. Il volto era illuminato dalla tremenda bellezza di un

nimbo cruciforme e fiorito, e vidi brillare intorno al trono e sopra

il capo dell’Assiso un arcobaleno di smeraldo. Davanti al trono,

sotto i piedi dell’Assiso, scorreva un mare di cristallo e intorno

all’Assiso, intorno al trono e sopra il trono, quattro animali terri-

bili – vidi – terribili per me che li guardavo rapito, ma docili e dol-

cissimi per l’Assiso, di cui cantavano le lodi senza riposo.

 

pz12

 

Ovvero, non tutti potevano dirsi terribili, perché bello e gentile mi

apparve l’uomo che alla mia sinistra (e alla destra dell’Assiso) por-

geva un libro. Ma orrenda mi parve dal lato opposto un’aquila, il bec-

co dilatato, le piume irte disposte a lorica, gli artigli possenti, le gran-

di ali aperte. E ai piedi dell’Assiso, sotto le due prime figure, altre

due, un toro e un leone, ciascuno dei due mostri serrando tra gli

artigli e gli zoccoli un libro, il corpo volto all’esterno ma il capo ver-

so il trono, come torcendo le spalle e il collo in un impeto feroce, i

fianchi palpitanti, gli arti di bestia che agonizzi, le fauci spalancate,

le code avvolte e ritorte come serpenti e terminanti all’apice in lin-

gue di fiamma.

 

pz13

 

Entrambi alati, entrambi coronati da un nimbo, malgrado l’apparen-

za formidabile non erano creature dell’inferno, ma del cielo, e se

tremendi apparivano era perché ruggivano in adorazione di un Ven-

turo che avrebbe giudicato i vivi e i morti. Attorno al trono, a fianco

dei quattro animali e sotto i piedi dell’Assiso, come visti in trasparen-

za sotto le acque del mare di cristallo, quasi a riempire tutto lo spa-

zio della visione, composti secondo la struttura triangolare del tim-

pano, elevandosi da una base di sette più sette, poi a tre e quindi a

due più due, a lato del trono, stavano ventiquattro vegliardi, su ven-

tiquattro piccoli troni, rivestiti di vesti bianche e coronati d’oro.

Chi aveva in mano una viella, chi una coppa di profumi, e uno solo

suonava, tutti gli altri rapiti in èstasi, il volto rivolto all’Assiso di cui

cantavano le lodi, le membra anch’esse contorte come quelle de-

gli animali, in modo da poter tutti vedere l’Assiso, ma non in modo

belluino, bensì con movenze di danza estatica – come dovette

danzare Davide intorno all’arca…..

 

kris-kuksi-a-new-divinity

 

…. Corpi e membra abitati dallo Spirito illuminati dalla rivelazione

sconvolti i volti dallo stupore, esaltati gli sguardi dall’entusiasmo,

infiammate le gote dall’amore, dilatate le pupille dalla beatitudine,

folgorato l’uno da una dilettosa costernazione, trafitto l’altro da un

costernato diletto, chi trasfigurato dalla meraviglia, chi ringiovanito

dal gaudio, … eccoli tutti cantare con l’espressione dei visi, col

panneggio delle tuniche…. E mentre l’anima mia, rapita da quel

concerto di bellezze terrene e di maestosi segnali soprannaturali,

stava per esplodere in un cantico di gioia, l’occhio accompagnan-

do il ritmo proporzionato dei rosoni fioriti ai piedi dei vegliardi, cad-

de sulle figure che, intrecciate, facevano tutt’uno con il pilastro

centrale che sosteneva il timpano…..

 

kris-kuksi-beast-anthology-exhibition-6

 

… E mentre ritraevo l’occhio affascinato da quella enigmatica poli-

fonia di membra sante e di lacerti infernali, vidi al lato del portale, e

sotto le arcate profonde, talora istoriati sui contrafforti nello spazio

tra le esili colonne che li sostenevano e adornavano, e ancora sul-

la folta vegetazione dei capitelli di ciascuna colonna, e di lì ramifi-

candosi verso la volta silvestre delle multiple arcate, altre visioni

orribili a vedersi, e giustificate in quel luogo solo per la loro forza

parabolica e allegorica o per l’insegnamento morale che trasmet-

tevano: e vidi una femmina lussuriosa nuda e scarnificata, rosa

da rospi…..

(Prosegue…..)

 

 

 

 

 

pz6

IL RUOLO DELL’INTELLETTUALE: ‘Penitenziagite’ ovvero l’intellettuale Straniero alle false Eresie del suo Tempo (5)ultima modifica: 2015-02-20T19:00:35+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo