AI PROFETI (si spara) (parole vere.. e passi falsi…) (15)

Precedente capitolo:

lo specchio dei tempi: Harbin (14)

Prosegue in:

(ai profeti) si spara (16) &

un altro omicidio (un giorno da ricordare: 5/6/1968)

Foto del blog:

ai profeti

si spara

Da:

i miei libri

(Foto del post di Paul Fusco)


 

ai profeti





9 aprile 1968


….Mentre le ceneri fumavano ancora, i saccheggi dei negozi

continuavano e in alcune città americane si lanciavano mo-

lotov, su Atlanta convergeva un tale numero di aerei privati

con a bordo persone dirette al funerale di Martin Luther King

che alcuni dovettero girare sopra la pista tre quarti d’ora pri-

ma di ottenere il permesso di atterrare.

 

ai profeti


Trasportavano Nelson Rockefeller, George Romney, Eugene

McCarthy, Hubert Humphrey e….Robert Kennedy: secondo l’-

Atlanta Constitution, era ‘il più grande raduno di candidati

presidenziali mai verificatosi’.

 

ai profeti


Il funerale di King creava non poche difficoltà anche a Kenne-

dy. I tumulti avevano complicato parecchio la sua strategia,

ovvero fare iscrivere agli elenchi un numero record di neri e

contemporaneamente riconquistare molti dei lavoratori bian-

chi che nel 1964 erano passati all’ex governatore dell’Alaba-

ma, George Wallace.

 

ai profeti


Questi backlash voters vedevano già Kennedy come il campione

dell’elettorato nero.

I filmati che lo ritraevano mentre parlava agli afroamericani di

Indianapolis e mentre camminava per le vie di Washington in

testa a una folla nera avevano rafforzato questa impressione;

la sua presenza al funerale di King avrebbe rappresentato un’-

ulteriore conferma.

 

ai profeti


Nei giorni successivi ai disordini, i membri di ambedue i partiti

avevano tenuto discorsi forti sul mantenimento della legalità e

dell’ordine.

Anche Kennedy aveva dichiarato che la violenza era ‘inaccetta-

bile’, ma aveva sempre collegato questa affermazione a una de-

nuncia ugualmente decisa dell’ingiustizia razziale.

 

ai profeti


Anche lui partecipava con riluttanza ai riti funebri e, dopo ave-

re assistito al suo arrivo, Remer Tyson dell’Atlantic Constituiti-

on, scrisse che le sue mani inquiete e i suoi occhi tristi mostrava-

no ‘quanto presente dovesse essere il pensiero dell’assassinio del

fratello, quando scese da quell’areo’.

 

ai profeti


Nelle successive ventiquattro ore non vi sarebbe stato quasi un

istante in cui a Kennedy non fosse ricordato il fratello defunto.

Lo condussero dall’aeroporto a casa Coretta Scott King, dove

una delle amiche della vedova gli riferì che, dei 12.000 telegram-

mi che la signora King aveva ricevuto, quello che più l’aveva

commossa era stato quello inviato dalla madre di Lee Harvey

Oswald:

 

ai profeti


‘Mi si è spezzato il cuore quando ho sentito la notizia, ci sono

stati due assassini nella nostra vita, il nostro caro figlio e il no-

stro caro presidente’, facendo intendere implicitamente che gli

assassini di JFK e di Oswald fossero tragedie dello stesso gene-

re.

 

ai profeti


Dopo avere sentito ciò fu condotto insieme alla moglie Ethel

nella camera da letto della signora King per un incontro priva-

to, durante il quale lei lo pregò di convincere Jackie a venire

al funerale.

Kennedy rispose che sarebbe stato ‘molto difficile’ per lei, ‘per

l’esperienza che ha vissuto’, una frase che lasciava traspirare

come, anche per lui, presenziare alla cerimonia non fosse faci-

le.

 

ai profeti


La signora King insistette, dicendo: ‘Significherebbe molto per

me se venisse’, non lasciandogli altra scelta se non telefonare

a Jackie e persuaderla di venire ad Atlanta.

La sola fotografia esistente di questo incontro mostra una came-

ra da letto da ceto medio anni cinquanta, con il mobilio comple-

to da grandi magazzini, una radiosveglia sul comodino e una

poltrona La-Z-Boy.

 

ai profeti


Si vedono Coretta Scott King seduta sul bordo del letto matri-

moniale, Ethel su una sedia di legno con lo schienale dritto e …

Bobby sulla La-Z-Boy, la poltrona preferita di King, dove amava

leggere, sonnecchiare e scrivere i suoi sermoni. Era il posto più

comodo della camera ed è assai improbabile che, se la signora

King non avesse insistito, lui l’avrebbe scelto….

(T. Clarke, L’ultima campagna)




 

ai profeti

AI PROFETI (si spara) (parole vere.. e passi falsi…) (15)ultima modifica: 2013-06-09T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo