TEMPO IMMOBILE

Precedenti capitoli:

Eretici  (1)  (3)  (5)  

Prosegue in:

Pagine di Storia:

La Gnosi  (2/12)

Foto del blog:

Eretici  (3)  &  (4)  &

Gnosi pagana  (1)  &  (2)

Da:

i miei libri   

 

 sf16

 

 

 

 

 

Per anticipare qualcosa di ciò che in seguito stabiliremo

con maggiori dettagli, il comportamento della Gnosi nei

confronti del tempo, e più in generale del mondo, si ca-

ratterizza subito per un moto di rivolta contro il tempo

e contro il mondo quali li concepivano, in modo peral-

tro divergente, l’ellenismo e il cristianesimo, ossia le fi-

losofie o le religioni in cui si diffuse lo gnosticismo e

cui esso si adattò durante i primi secoli della nostra

èra.

Su questo, come su molti altri punti, l’atteggiamento

gnostico è principalmente di negazione. Sicché pos-

siamo definirlo solo rispetto a ciò che si nega.

Dovremo perciò determinare preliminarmente quali

fossero queste concezioni, ellenica e cristiana, del tem-

po cui esso si contrappone.

Vorrà dire in pari tempo coglierne l’originalità, la spe-

cificità, e ritrovare in tal modo, attraverso e oltre tale

aspetto negativo, se non negatore, ciò che ne costitui-

sce la sostanza positiva e gli conferisce il suo caratte-

re peculiare.

Mi adopererò in primo luogo di delineare l’immagi-

ne che si facevano del tempo l’ellenismo e il cristian-

esimo antico; poi di precisare, onde chiarire e giusti-

ficare il significato che mi sembra dover essere attri-

buito a questo termine, che cosa sia lo gnosticismo

per chi lo studia secondo i metodi attualmente in u-

so nella Storia delle religioni e nella fenomenologia

religiosa. 

Per quanto lenti possano sembrare, simili preparati-

vi ci condurranno un poco alla volta nel vivo del no-

stro argomento. Ci consentiranno di affrontare per la

via migliore e di trattare nel modo più chiaro un pro-

blema che appare, non appena si tenti di delinearne i

contorni, ora sfuggente ora arduo.

L’ellenismo concepisce anzitutto il tempo come cicli o

circolare, perpetuamente su stesso, eternamente chiu-

so su di sé, per effetto dei movimenti astronomici che 

ne dirigono e ne regolano necessariamente il corso. 

Per il cristianesimo invece il tempo, legato alla Crea-

zione e all’azione continua di Dio, si svolge unilate-

ralmente, in un unico senso, a partire da un unico

punto di partenza e in direzione di una meta pure

unica: esso è orientato, e in esso si compie un pro-

gresso, dal passato verso il futuro (CON UNA FREC-

CIA BEN DEFINITA); è uno, organico e progressivo;

di conseguenza ha una realtà piena. 

Ma ecco sopraggiungere lo gnosticismo.

Per bisogno di salvezza immediata, esso spezzerà la

schiavitù e la ripetizione del tempo ciclico dell’elleni-

smo, così come la continuità organica del tempo uni-

lineare del cristianesimo; farà andare in frantumi sia

l’uno che l’altro.

In termini ancor più brevi e immaginosi, la partita si

gioca fra tre opposte concezioni, in cui il tempo può

essere rispettivamente raffigurato nella prima da un

circolo, nella seconda da una linea retta, nella terza

da una linea spezzata.

(H. C. Puech)

 

 

 

 

 

oikjmnl.jpg

 

TEMPO IMMOBILEultima modifica: 2014-08-15T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo