STREGONI (2)

Precedente capitolo:

Pagine di storia:  Stregoni

Prosegue in:

Stregoni (3) &

Dialoghi con Pietro Autier 2:  Carlos Castaneda &

Gli occhi di Atget:  Carlos Castaneda (2)

Da:

i miei libri

 

don juan

 

  

 

    

Per gli sciamani dell’antico Messico un’altra questione

legata all’ ‘intento’, trasferito però a livello dell’ ‘inten-

dimento’ universale, era il ‘fatto energetico’ che siamo

continuamente spinti, tirati e messi alla prova dal co-

smo stesso. 

Per loro era un fatto energetico che l’universo è estre-

mamente predatorio, ma non nel senso che attribuia-

mo generalmente a questo termine, ovvero l’atto di

depredare, rubare, ferire o sfruttare gli altri a nostro

vantaggio.

Per gli sciamani dell’antico Messico, la condizione pre-

datoria dell’universo significa che l’intento dell’univer-

so e quello di mettere continuamente alla prova la con-

sapevolezza.

Essi videro che il cosmo crea un numero infinito di es-

seri organici e inorganici.

Esercitando una pressione su questi esseri, l’universo li

costringe ad ampliare la loro consapevolezza e, in que-

sto modo, tenta di raggiungere la consapevolezza di sé.

Nell’universo conoscitivo degli sciamani, quindi, la

questione finale è la consapevolezza (contraria all’in-

consapevolezza del comune essere detto civile).

Don Juan Matus e gli sciamani della sua stirpe inten-

devano la consapevolezza dell’atto di essere delibera-

tamente consci di tutte le possibilità percettive dell’-

uomo, non solo di quelle dettate da una determinata

cultura il cui ruolo sembra quello di ridurre la capaci-

tà percettive dei suoi membri (come avviene nella nor-

male condizione dell’essere ed appartenere al mondo

per la maggior parte di …loro).

Don Juan sosteneva che rilasciare, o liberare le capaci-

tà percettive degli esseri umani non avrebbe in alcun

modo interferito con il loro comportamento funziona-

le.

In effetti, questo comportamento diventa un fatto stra-

ordinario perchè acquisisce un nuovo valore. 

In circostanze simili la funzione diventa una necessità

stringente.

Libero dagli idealismi e dai falsi obiettivi, l’uomo ha

come unica funzione quella di usare la forza guida di

se stesso.

Gli sciamani chiamano questa funzione ‘impeccabilità’.

Per loro essere impeccabili significa fare del proprio me-

glio, e anche qualcosa di più. 

Gli sciamani ricavarono la funzione dalla capacità di

vedere direttamente il fluire dell’energia nell’universo.

Se l’energia fluisce in un certo modo, per loro seguire il

flusso dell’energia significa essere funzionali.

La funzione, di conseguenza, è il comune denominato-

re con il quale gli sciamani affrontano il fatto energeti-

co del loro universo conoscitivo. 

L’esercizio di tutte le unità della cognizione dello stre-

gone consentì a don Juan e gli sciamani della sua stir-

pe di giungere a strane conclusioni energetiche che,

a prima vista, sembrano riguardare solo queste perso-

ne e le loro circostanze personali, ma che, se esamina-

te con attenzione, possono essere applicate a tutti gli 

uomini. 

Secondo don Juan, il culmine della ricerca degli scia-

mani è ciò che considerava l’ultimo fatto energetico,

non solo per gli stregoni, ma per ogni essere umano.

Chiamò questo fatto il VIAGGIO FINALE.

(Carlos Castaneda, Gli insegnamenti di don Juan)

 

 

 

 

don juan

 

STREGONI (2)ultima modifica: 2015-10-07T03:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo