AMMAZZARE IL TEMPO (alla ricerca dell’alchimia della vita) (7)

 

Precedenti capitoli:

Ammazzare il Tempo (1)

Ammazzare il Tempo (2)

Ammazzare il Tempo (3)

Ammazzare il Tempo (4)

Ammazzare il Tempo (5)

Ammazzare il Tempo (6)

Prosegue in:

Ammazzare il Tempo (chi lo ha ucciso?) (8) &

La freccia del Tempo (Prima)  &  (Seconda parte)

Foto del blog:

In memoria di J. Ruskin… (1)  &  (2)

Ammazzare il Tempo (1)  &  (2)

Decifrare l’uomo che fu e sarà (1)  &  (2)

Da:

i miei libri

 

 4514876365_1f79f80188.jpg11

 

 

 

 

 

Celeste virtù che muta la dura materia nella sua fondamentale

costituzione, si che divenga atta a generare, a ricevere le virtù

infuse nelle acque dei forti metalli, come riceve e accetta la vir-

tù informativa dell’embrione.

Ragione di scherno ai filosofi, da parte di coloro che hanno

compreso che la celeste virtù è comune in ogni natura elemen-

tata, e che per la sua grandissima nobiltà in ogni tempo riceve

determinazione. Nelle cose composte tanto s’influisce per arte

quanto per natura: e ciò avviene per virtù naturale.

 

5447543435_297b2b325f.jpg6

 

Noti ancora ogni artefice che la natura non può operare se non

alla successione di cose minime, né può ricevere virtù, se  non

col successo della sua operazione; perché non possono le

costellazioni sopportare alcuna fermezza di punto temporale,

la quale immediatamente non muti: dato il tempo minimo della

costellazione rispetto alla rivoluzione dei circoli.

 

5457029992_41a8992140.jpg4

 

Lasciata, adunque, da parte, la cognizione dei movimenti stel-

lari nella qualità e quantità, e servendoci dell’Arte, prepariamoci

a ricevere a investigare le sopradette virtù celesti che sono co-

muni a tutte le cose inferiori, e fermiamole nell’acqua grande

delle virtù minerali, al fine di moltiplicarne le virtù in breve tem-

po, e fissarle in ciò che si chiama Quinta Essenza, umana

medicina, o pietra preziosa al suo termine.

 

DKP_5242

 

La virtù celeste è comune alla materia prima, e vi fu compe-

netrata per il regolare corso delle cose di natura, ma essa è

moltiplicabile per mezzo dell’arteficio dell’ingegno, col fuoco;

e, per l’istinto attrattivo, riceve virtualmente le potenze terribili,

con le quali si colma la cosa vacua, e le quali penetrano per

l’influenza penetrativa sottile, insieme ad altre potenze, nella

materia spirituale assottigliata sino alla semplicità.

 

5486693805_61cf7853c9

 

Intendi pure, che tale attrazione delle semplici virtù, sta insie-

me con le virtù materiali, perché con essa operiamo nella ma-

teria, mentre non possono in alcun tempo attrarsi se non le

materie concordevoli, e simili in natura materiale.

Operiamo con cautela, e sino a certo punto, in modo che la

materia non ne rimanga divisa, che puossi ottenere per la

grande e potente sottilità delle essenze reali del cielo e dei

pianeti.

 

5461440522_cb20df9197.jpg3

 

Quindi la generale virtù, e quella insita alla natura inferiore,

influiranno di continuo nelle singole materie. Ed avviene che

piglino certa determinazione, a causa del concorso celeste,

e tengano le cose materiali come gli spiriti l’anima, e seguo-

no la virtù in quel suo orientarsi, secondo il genere della ma-

teria nella quale sono infuse.

(Raimondo Lullo)

(Foto del blog: Don Komarechka) 

 

 

 

 

5043875595_4db783167b.jpg12

 

AMMAZZARE IL TEMPO (alla ricerca dell’alchimia della vita) (7)ultima modifica: 2016-01-18T00:00:16+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento