PIONIERI E NATIVI: anatomia di un incontro (30)

Precedente capitolo:

pionieri e nativi: un caso di plagio (29) &

pionieri e nativi: il dottor Cook e Thomas Bridges (28) &

la sofferenza necessaria all’uomo (27) &

Prosegue in:

pionieri e nativi: Considerazioni ‘eretiche’ (31)

pionieri e nativi: anatomia di un incontro  (32)

pionieri e nativi: anatomia di un incontro  (33)

una fotografia (analisi e considerazioni…)

Foto del blog:

anatomia

...di un incontro

Da:

i miei libri

 

 

anatomia di un incontro

 

 

 

 

 

 

 

….Finalmente il 21 dicembre alle ore 8 pom., giungiamo dinnanzi

alla penisola di Ushuaina e girando attorno alla corona di isolette

che la recingono a sud-est, gettiamo due ore e mezzo dopo l’anco-

ra nella baia a dieci metri di acqua.

Ushuaia, che contende a Punta-Arenas l’onore di essere la città più

meridionale del mondo, malgrado il suo titolo ufficiale di capitale

della Terra del Fuoco non è che una semplice borgata composta da

una ventina di case e di una cappelletta, costruita in legno.

 

anatomia di un incontro

 

I primi anni della sua fondazione furono tragici quanto quelli di

Punta-Arenas e non fu che in seguito ad una catastrofe e numerose

difficoltà di ordine secondario che la ‘South American Missionary

Society’ pervenne a stabilirvisi nel 1862.

L’anno seguente essa affidava la stazione evangelica all’opera del

reverendo Tommaso Bridges al quale dava per sostituto Giovanni

Lawrence tanto che da quel giorno i ricordi storici di Ushuaia si

confondono con quelli di questi due uomini.

 

anatomia di un incontro

 

Fin dal momento in cui i due reverendi si stabilirono ad Ushuaia,

alcuni Indiani si unirono ad essi e oggigiorno la maggior parte de-

gli aborigeni superstiti soggiorna presso la stazione evangelica 

e presso una succursale fondata a Tekenika.

Con tutto questo, però, ci permettiamo di mettere in dubbio la

conversione dei poveri indigeni e quanto alla loro condotta mora-

le possiamo assicurare di non esser punto migliorata. La moralità

 

anatomia di un incontro

 

presso gli Yahgàns, raggiunge in confronto di quella che verificasi

presso le tribù degli Alacaloufs e degli Onas, proporzioni enormi

e fra breve, secondo quello che dicono gli stessi missionari, la colo-

nia dei reverendi evangelisti come quella dei reverendi Padri Sale-

siani non avrà più ragione di esistere e tale caso fu già assai giusta-

mente preveduto.

Tom Bridges era un uomo eminemente pratico e il regime di vita

Yahgans non gli garbava punto, e non voleva soffrire le loro pene

o occuparsi delle loro rarissime gioie. Non comprendeva la evan-

gelizzazione come la praticano altri missionari con spirito di sacri-

ficio e la cura della felicità eterna gli premeva assai meno di quel-

la terrena.

 

anatomia di un incontro

 

In cambio del nutrimento gl’Indiani appartenenti alla Missione la-

voravano nella fattoria, custodivano il bestiame, senza che essi po-

tessero mai pretender, pur dopo annale di vera servitù, di divenir-

ne proprietari o godere in un modo qualunque i benefici che dava

tale sfruttamento.

Da circa dieci anni il reverendo Bridges si è ritirato dal sacerdozio

per potersi dedicare totalmente agli affari ed in questo periodo si

è più volte recato a Buenos-Ayres onde darvi conferenze allo sco-

po di impietosire l’opinione pubblica sulla sorte dei poveri Yah-

gans, ottenendo così dal Governo argentino una concessione gra-

tuita di oltre 20.000 ettari di terreno situati un poco ad oriente di

Ushuaia presso l’imboccatura del Canale delle Beagle, verso il

Pacifico, nella più bella parte – senza dubbio – della Terra del Fuo-

co.

anatomia di un incontro

Lo scopo del Governo, accordando tale concessione, era evidente-

mente di permettere agli indigeni l’addestramento ai lavori dell’-

agricoltura e all’allevamento del bestiame mentre il risultato più

notevole e meno previsto fu quello di permettere a Bridges di  

raccogliere una non disprezzabile fortuna. 

Esso si stabilì sulle rive di una piccola baia, uno dei migliori anco-

raggi di tutta la zona australe della Fuegia, che battezzò con il no-

me di Harberton in ricordo, a quanto pare della località inglese

ove nacque la sua audace compagna.

Di lì egli proseguì con gli indigeni lo scambio lucroso delle pel-

li di lontra e di guanachi che aveva già iniziato a Ushuaia sui pri-

mordi della missione. Il rev. Lawrence che gli succedette pur di-

mostrando minore attitudine negli affari lascerà ai suoi figli un

invidiabile posizione allorquando sulla soglia della missione mor-

rà di etisia l’ultimo dei Yahgans che erano 3.000 quarant’anni or

sono ed oggi raggiungono appena il numero esiguo di 200.

(Il viaggio della ‘Belgica’ al Polo Sud narrato dal capitano A. De

Gerlache, comandante della spedizione)

 

 

 

 

 

 

 

anatomia di un incontro

      

PIONIERI E NATIVI: anatomia di un incontro (30)ultima modifica: 2013-03-19T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo