SILENZIO…. BIANCO!

Prosegue in:

Silenzio…. Bianco! (2) &

L’arte della menzogna

Foto del blog:

L’arte della menzogna (1)  &  (2)

Da:

i miei libri

  

silenzio bianco!

 

 

 

 

La prima ‘rottura’ (con il teatro dei burattini…) l’aveva 

tentata lo stesso Lenin col cosiddetto ‘testamento’, o per

meglio dire la ‘Lettera al Congresso’, dettata da lui, tra 

il 23 dicembre 1922 e il 4 gennaio del 1923.

Il Congresso del Partito comunista russo, cui era destina-

ta, avrebbe dovuto essere quello imminente, il XII. La so-

stanza della questione sta nella proposta, che Lenin affi-

da a quel documento, di rimuovere Stalin dalla funzione

di segretario generale del Partito, e inoltre di accogliere,

almeno in parte, le proposte di Trockij sul GOSPLAN.

 

silenzio bianco!

 

Lenin è ormai in condizioni di salute precarie, se non di-

sperate. Non è affatto sicuro di poter prendere parte al

Congresso, pensa perciò di indirizzare un suo messaggio

‘operativo’ oltre che politicamente argomentato.

Detta via via dei pezzi….

Il 23 dicembre incominciò.

E’ testimoniato da una delle segretarie, la Volodiceva:

quel giorno, convocandola, Lenin esordì dicendole:

‘Voglio dettarle una lettera per il Congresso. Scriva,

prego…’.

 

silenzio bianco!

 

Il primo brano, datato appunto 23 dicembre 1922, e scrit-

to sotto dettatura dalla Volodiceva, riguarda il GOSPLAN

e suggerisce di ‘andare incontro’ alle proposte di Trockij.

Inoltre suggerisce di ampliare di molto il numero dei com-

ponenti del Comitato Centrale con l’evidente proposito di

‘diluire’ i conflitti personali.

Il secondo brano, dettato alla medesima Volodiceva nei

due giorni successivi, 24 e 25 dicembre, affronta diretta-

mente la questione dello scontro politico Trockij-Stalin,

pur senza approdare a una proposta. Anche se passa in

 

silenzio bianco!

 

rassegna altri ‘leaders’ – si leggono i nomi di Zinov’ev, Ka-

menev, Bucharin, Pjatakov -, l’attenzione è concentrata

sui due, che infatti ritornano anche nella frase finale della

breve aggiunta del 25 dicembre, dove Lenin precisa, qua-

si a voler frenare (in se stesso!) decisioni precipitose che

queste osservazioni ‘sono fatte solo per il presente momen-

to, per l’eventualità che entrambi questi eminenti e devo-

ti funzionari non trovino l’opportunità di ampliare le lo-

ro conoscenze e superare la loro unilateralità’.

‘I due capi più eminenti dell’attuale Comitato Centrale’

li aveva definiti già nella prima parte dell’appunto (data-

ta 24. XII), nel tratteggiarne il profilo.

 

silenzio bianco!

 

Per quel che riguarda Stalin però lancia un allarme:

‘Divenuto segretario generale, ha concentrato nelle sue ma-

ni un immenso potere, e io – scrive – non sono sicuro che e-

gli sappia servirsene con sufficiente prudenza’.

A Trockij riconosce che ‘egli è il più capace tra i membri del-

l’attuale CC’,

ma gli rimprovera:

‘ha anche una eccessiva sicurezza di sé’,

nonché

‘una tendenza eccessiva a considerare il lato puramente am-

ministrativo dei problemi’.

Alcuni giorni dopo, il 4 gennaio ’23, la decisione è presa.

 

silenzio bianco!

 

Lenin detta una breve aggiunta alla ‘Lettera’, consistente in

un unico capoverso, tutto su Stalin e culminante – dopo aver-

ne tracciato un più duro profilo – nella proposta, evidentemen-

te destinata all’imminente Congresso:

‘Di pensare alla maniera di togliere o se non altro, alleggeri-

re nelle sue mansioni, dall’incarico di Segretario generale’ del

Partito, e nell’auspicio di trovarne uno ‘più tollerante, più

leale, più cortese, più onesto, e più riguardoso verso i compa-

gni….’.

La storia della trasmissione, diffusione e conservazione di

questo testo non è ancora del tutto chiarita.

 

silenzio bianco!

 

Nadezva Krupsskaja, moglie di Lenin, svolge in questa sto-

ria, un ruolo solo in parte simile a quello che fu di Livia ri-

spetto alle disposizioni che Augusto destinava postumante

al Senato.

E già qui vi è un altro punto oscuro….

Una leggenda mirante ad attutire le asprezze di quella vi-

cenda e a spiegare la lunga latitanza di quel documento so-

stiene che Lenin avesse disposto che la ‘Lettera al Congres-

so’ venisse fatta recapitare solo dopo la sua morte. Egli però

non poteva prevedere la data della propria morte, né d’altra

parte procrastinare ‘sine die’ una decisione che, dalle sue

stesse parole dell”addendum’, appare urgente.

 

silenzio bianco!

 

Del resto già la intitolazione divenuta corrente (testamento

di Lenin) contribuisce a confortare la tesi depistante cui

Lenin stesso avrebbe dato a questa sua ‘Lettera al Congres-

so’, il senso e i tempi di una comunicazione postuma. Un’al-

tra tradizione sostiene che ‘inizialmente’ Lenin avrebbe na-

scosto persino alla Krupskaja quell”addendum’.

Il vero problema, che solo in parte trova spiegazione nell’-

aggravarsi delle condizioni di salute di Lenin, è l’intervallo,

il vuoto di quasi un anno e mezzo, tra il 4 gennaio ‘ 23 e il

maggio (giugno) del ‘ 24, quando finalmente, al XII Congres-

so qualcosa trapela….

 

silenzio bianco!

 

In previsione del risultato che si proponeva di ottenere al

XII Congresso, Lenin fece anche un altro passo: inviò un’a-

spra lettera a Stalin, il 5 marzo ‘ 23, in cui minacciava la rot-

tura dei rapporti se non ci fossero state sue scuse scritte per

la violenza verbale da lui adoperata verso la Krupskaja nel

corso di una telefonata.

Inopinatamente Stalin accolse immediatamente tale richie-

sta. Quando però il Congresso ha inizio a metà aprile – è que-

sta la spegazione corrente -, Lenin è daccapo paralizzato nel

fisico:

 

silenzio bianco!

 

‘Egli era inabilitato nel fisico e i documenti in cui raccoman-

dava la rimozione di Stalin dalla sua carica rimasero sotto

chiave fino a qualche tempo dopo la sua morte sopraggiun-

ta nel gennaio ‘ 24’.

Secondo la versione ‘recepita’, la Krupskaja avrebbe presenta-

to al CC e fatto giungere direttamente a Stalin la ‘Lettera al

Congresso’ soltanto il 18 maggio 1924, precisando, in una ac-

compagnatoria, che ‘Vladimir Il’ic aveva espresso il fermo

desiderio che ‘dopo la sua morte’ queste note venissero por-

tate all’attenzione del prossimo Congresso del partito’.

Se quel che scrive la Krupskaja fosse esatto, se ne dovrebbe

arguire che lo stesso Lenin ha esitato (prima di ammettere

e considerare talune ‘eretiche verità’…), dopo la pronta let-

tera di ‘scuse’ di Stalin del 5 marzo ‘ 23, a portare a fondo

subito, già col XII Congresso, l’operazione di cambio del se-

gretario generale.

(Prosegue…..)

  

 

 

 

silenzio bianco!

 

SILENZIO…. BIANCO!ultima modifica: 2014-05-01T03:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo