UN ALTRO OCEANO (il piccolo apocrifo) (52)

Precedente capitolo:

Navigare nell’Eretico mare dello ‘Straniero’ (50/1)

Prosegue in:

Un altro Oceano (53)

 

 

sl1

 

 

 

 

 

….Ma fu esaminata anche……                                                             

la superficie del pianeta, quasi completamente coperta dall’oceano,

con rare terre emerse a forma di altipiani.

La loro superficie complessiva non raggiungeva quella del territo-

rio europeo, sebbene il diametro di Solaris fosse del 20% maggiore

di quello della Terra.

Quei frammenti deserti e rocciosi, disseminati irregolarmente, era-

no tutti concentrati nell’emisfero meridionale. Fu analizzata anche

la composizione dell’atmosfera, e misurata con precisione la den-

sità del pianeta, determinandone inoltre l’albedo e altre caratteri-

stiche astronomiche.

 

am12

 

Com’era prevedibile, non fu individuato alcun segno di vita, né

sulle terre, né nell’oceano. Durante i dieci anni successivi, Solaris,

che adesso era al centro dell’attenzione di tutti gli osservatori di

quel settore spaziale, rivelò la sorprendente tendenza a conserva-

re, a dispetto dell’attrazione gravitazionale dei suoi soli, un’orbi-

ta che, indiscutibilmente, sarebbe dovuta essere variabile.

Per un certo periodo la questione parve quasi sollevare uno scan-

dalo, poiché doveva per forza trattarsi di un errore d’osservazio-

 

rd27

 

ne da imputare ai ricercatori che se ne occupavano o alle caratteri-

stiche dei calcolatori impiegati.

La mancanza di fondi ritardò, per tre anni, una vera e propria spe-

dizione solaristica, fino al momento, in cui Shannahan completò la

sua squadra e ottenne dall’Istituto il comando di tre unità di tonnel-

laggio C, classe porta-navette. Un anno e mezzo prima dell’arrivo

della spedizione, partita dall’Alfa dell’Acquario, una seconda flotta

d’esplorazione, per conto dell’Istituto, mise in orbita intorno a Solaris

un satellite automatico, il Luna 247.

 

rd22

 

Questo satellite, dopo tre ricostruzioni complete, eseguite a una deci-

na d’anni d’intervallo, è tuttora funzionante. I dati che ha raccolto sono

serviti a confermare definitivamente le osservazioni della spedizione

di Ottenskjold circa il carattere attivo dei movimenti dell’oceano.

Una nave di Shannahan rimase in orbita alta; le altre due, dopo alcu-

ne prove preliminari, si posarono su un ripiano roccioso di circa mil-

le chilometri quadrati presso il Polo Sud del pianeta Solaris.

I lavori della spedizione durarono diciotto mesi e, salvo un deplore-

vole incidente dovuto a un difetto meccanico di funzionamento, non

incontrarono problemi.

Tuttavia il gruppo di scienziati finì col dividersi in due opposte fa-

zioni. Il pomo della discordia era l’oceano……….

 

terremoto10.jpg

 

In base alle analisi, tutti erano d’accordo sul fatto che si trattasse di

una formazione organica. Ma i biologi lo consideravano alla stregua

di un corpo primitivo, simile a un nucleo gigantesco, a una singola

cellula fluida di dimensioni planetarie, che avvolgeva tutto il globo

in un involucro colloidale, profondo in certi punti vari chilometri; i

fisici, invece, prendevano in esame la possibilità che fosse una strut-

tura straordinariamente e perfettamente organizzata, superiore for-

se, in quanto a complessità, anche agli organismi terrestri, poiché e-

ra in grado d’influire in modo attivo sull’andamento dell’orbita se-

guita dal pianeta.

 

sl3

 

Non era stata formulata nessun’altra spiegazione per chiarire il 

comportamento di Solaris; inoltre i fisici planetologi avevano in-

dividuato un rapporto tra certi processi dell’oceano plasmatico e

il valore dell’attrazione gravitazionale, che variava in corrispon-

denza del ‘ricambio’ della materia dell’oceano. Furono quindi i

fisici, e non i biologi, a coniare il termine paradossale di ‘macchi-

na plasmatica’, intendendo con ciò una formazione priva forse di

vita secondo i nostri concetti, ma capace d’intraprendere attività

utili su scala astronomica.

In poche settimane, la polemica coinvolse le maggiori autorità,

e per la prima volta, la teoria di Gamow-Shapley, incontestata da

ottant’anni, fu messa in discussione.

 

sl6

 

Per un certo tempo alcuni cercarono di difenderla, affermando che

l’oceano non aveva nulla in comune con la vita, che non era nemme-

no una formazione ‘para’ o ‘prebiologica’, ma solo una formazione

geologica, insolita indubbiamente, ma capace soltanto di rendere

stabile l’orbita di Solaris, attraverso spostamenti di forze d’attra-

zione, e in proposito si richiamavano alla regola di Le Chatelier.

All’opposto furono elaborate ipotesi, fra cui quella particolarmen-

te complessa del Civita-Vitta, secondo le quali l’oceano sarebbe

stato frutto di uno sviluppo evolutivo: partendo dalla sua primi-

 

sl8

 

tiva forma di preoceano, soluzione di sostanze chimiche in len-

ta reazione fra loro, e sotto la pressione delle circostanze ambien-

tali, esso era riuscito a raggiungere lo stadio di ‘oceano omeosta-

tico’ senza passare attraverso la trafila di tutte le fasi di sviluppo

terrestri, e saltando così la creazione di esseri mono o multicellu-

lari, l’evoluzione vegetale e animale e la costituzione di un siste-

ma nervoso e cerebrale.

In altre parole, diversamente dagli organismi terrestri, non si era

adattato all’ambiente attraverso centinaia di milioni di anni, tem-

po necessario all’apparizione di esseri dotati d’intelligenza, ma

aveva dominato l’ambiente stesso.

(Prosegue…)

(S. Lem, Solaris)

 

 

 

 

 

sl12

 

UN ALTRO OCEANO (il piccolo apocrifo) (52)ultima modifica: 2014-04-24T08:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento