IL MOTIVO DEL SACRIFICIO (fenomenologia del capro espiatorio) (1)

Prosegue in:

Il motivo del sacrificio (2)

Pagine di storia:

Il grande male

Dialoghi con Pietro Autier 2:

La testa del lupo

gli occhi di Atget:

La testa del lupo (2)

 

 

caproespiatorio1.jpg

 

 

 

 

 

 

Il problema del controllo della violenza emerge ora più

che mai in tutta la sua gravità: se ‘quella strana attività

che chiamiamo guerra’ poté vedere la luce, evidentemen-

te erano già stati sviluppati meccanismi che preservano

dai comportamenti aggressivi un’area ben delimitata, i

cui confini non hanno nulla di naturale:

 

La guerra si sviluppa in maniera evidente tra gruppi molto

vicini, ossia tra uomini che nulla obiettivamente distingue

sul piano della razza, del linguaggio, delle abitudini cultu-

rali. Tra l’esterno nemico e l’interno amico, non c’è reale

differenza e non si capisce come dei montaggi istintuali po-

trebbero spiegare la differenza di comportamento.

(R. Girard)

 

Affermare che esiste un istinto naturale a preservare i

propri congiunti è evidentemente privo di senso, dal

momento che, come è ben visibile, tra gli umani l’assas-

sinio intrafamigliare esiste, anche se non è la regola.

Si deve quindi supporre che, proprio quando l’aumento

dell’aggressività mimetica ha messo ha rischio la nascen-

te specie umana, un meccanismo nuovo si sia innescato;

si tratta, secondo Girard, del fenomeno della vittimizza-

zione del capro-espiatorio:

 

Oltre una certa soglia di potenza mimetica, le società ‘anima-

li’ diventano impossibili. Questa soglia corrisponde dunque

alla soglia di apparizione del ‘meccanismo vittimario’; è la

soglia dell’ominizzazione.

 

Tale meccanismo non è del tutto assente negli animali;

Girard cita a riguardo alcune notissime osservazioni di

Lorenz:

 

Quando due oche avvicinandosi mostrano segnali di ostili-

tà, il più delle volte convogliano la loro aggressività reci-

proca contro un oggetto terzo.

 

Questo comportamento cementa il legame tra gli indi-

vidui dal punto di vista che,

 

caproespiatorio10.jpg

 

 scrive Lorenz, ‘l’aggressività discriminatoria verso

gli estranei e il vincolo fra i membri del gruppo si inten-

sificano a vicenda’.

Tale fenomeno può essere considerato come

 

il primo abbozzo del futuro meccanismo vittimario proprio

nel suo ruolo di forza ‘idraulica’ che tende a scaricare l’ag-

gressività interindividuale su terzi, 

 

ma l’insufficiente potenza mimetica di cui sono dotati

gli animali non-umani impedisce che al processo parte-

cipi l’intero gruppo.

Non scatta cioè, negli animali, quel meccanismo che sem-

bra essere il vero segreto dell’umanità, ossia l’omicidio col-

lettivo; perché ciò accada, è necessario che la crisi dovuta

alla rivalità tra due individui sfoci in quella lotta genera-

lizzata di tutti contro tutti che, secondo l’intuizione hob-

besiana, costituisce la minaccia gravante in permanenza

sui gruppi umani.

L’inizio dell’umano deve perciò essere posto nel momen-

to di massima crisi, al culmine di quell’implosione socia-

le che colpisce un gruppo ormai incapace di conformarsi

ai ‘dominance patterns’, così efficaci per animali dotati di

una potenza mimetica inferiore.

Nulla, nella costituzione umana, mira a quest’inizio: è

altamente probabile che molti gruppi non abbiano una

soluzione né istintuale né culturale al problema e si so-

no semplicemente estinti.

 

caproespiatorio2.jpg

 

Ma alcuni gruppi hanno trovato il mezzo per sopravvi-

vere proprio nel momento più difficile, ridirigendo la

violenza di tutti contro tutti verso un unico individuo.

Proprio la potenza della mimesi ha convogliato su un’-

unica vittima gli impulsi violenti: la violenza indiscri-

minata ha prodotto un fenomeno di capro-espiatorio,

ossia l’uccisione collettiva di un ‘unico’ individuio che

si è trovato a essere in condizione di estrema debolez-

za, non difeso da nessuno.

Si tratta della tesi girardiana del ‘linciaggio fondatore’,

da lui elaborata in relazione alla nascita di un ordine

culturale dopo una crisi ma applicabile anche alla na-

scita dell’umano in senso assoluto, a partire da crisi

remotissime intervenute nelle prime fasi dell’evoluzio-

ne, quando l’accresciuta potenza imitativa appena

conseguita con l’incremento delle facoltà cerebrali ha

infranto l’equilibrio sul quale si fondavano i gruppi

pre-umani.

Non vi è ragione per pensare che la violenza sia in

grado di dirigersi da sé verso l’esterno: al contrario,

 

la rabbia, quando ci si abbandoni a essa, è centripeta.

Più è esasperata, più tende a orientarsi verso gli esseri

più vicini e più cari, quelli che in tempi normali sono

meglio protetti dalla regola della non-violenza.

 

E’ fondamentale comprendere come Girard non ri-

conduca il problema del sovrappiù di aggressività

degli esseri umani a un inspiegabile ‘istinto’, a una

tendenza al male innata nell’essere umano: ‘esso fa

tutt’uno con il sovrappiù di mimetismo legato all’-

accrescimento del cervello’.

Gli umani non sono né più buoni né più malvagi de-

gli altri animali: semplicemente, imitano più inten-

samente, portando così all’estremo sia gli elementi

positivi della facoltà di apprendere dai propri simi-

li sia quelli negativi consistenti nello scatenare con-

flitti privi di soluzione pacifica.

Se le rivalità umane hanno assai di frequente quale

risultato finale l’assassinio, come è largamente con-

statabile, le teorie che postulano un accordo con cui

gli umani avrebbero deciso di sospendere la violen-

za peccano di ingenuità: nell’escalation della violen-

za la probabilità che i contendenti si siedano intor-

no ad un tavolo per fissare regole e divieti è nulla.

 

caproespiatorio6.JPG

 

Porre quindi l’origine delle società umane in un ‘patto

sociale’, come hanno fatto per secoli filosofi contrat-

tualisti, è indulgere a una visione eccessivamente

razionalistica delle cose umane.

La violenza può essere fermata solo da un evento dal

forte impatto emotivo, che doni la pace al gruppo qua-

si senza che gli umani sappiano come e perché.

 

Il carattere congetturale di questa ricostruzione è poten-

zialmente rafforzato dall’esame dei miti fondatori dei

popoli dell’intero pianeta: all’inizio vi è, quasi sempre,

un omicidio, dal quale sono scaturite le istituzioni soci-

ali e, in primo luogo, ‘la religione’ con i suoi riti e i su-

oi divieti.

 

Per spiegare l’assoluta preminenza del religioso nelle

società arcaiche e, al suo interno, di riti di distruzione

quali il sacrificio, è necessario formulare l’ipotesi che

l’atto fondativo del sacro abbia coinciso con l’origine

 

caproespiatorio5.jpg

 

della società stessa e sia stato un atto violento.

 

Possiamo cioè supporre che, all’apparire di una prima crisi

di violenza interna, il parossismo mimetico abbia portato la

collettività a far convergere l’aggressività verso un ‘unico

individuo’, ucciso unanimamente da tutti gli altri: la furia,

oramai priva di un oggetto, cessa improvvisamente, provo-

cando un mutamento emotivo talmente brusco da far con-

centrare tutta l’attenzione del gruppo sulla vittima.

 

Essa viene vista come responsabile dello straordinario

passaggio dall’eccitazione alla calma, assumendo così

agli occhi dei suoi linciatori uno ‘status’ del tutto ecce-

zionale, preludio alla sua collacazione in una catego-

ria differente da quella degli individui comuni.

 

Davanti al cadavere della vittima si ha l’inizio del sacro,

da intendersi come la categoria dell’assolutamente etero-

geneo.

L’ambivalenza dei sentimenti provati dalla vittima, pri-

ma accusata e fatta a pezzi, poi ritenuta autrice della rin-

novata concordia sociale, spiega la duplice natura del sa-

cro, al tempo stesso malefico e benefico.

 

La calma ritrovata può, però, essere nuovamente perdu-

ta con grande facilità; la vittimizzazione del capro-espia-

torio è insufficiente a spiegare la stabilità dei gruppi uma-

ni, a meno che non sia possibile ricavarne un meccanismo

capace di prolungare la durata dell’effetto pacificatore.

Tale pratica, attestata presso tutte le civiltà, è il sacrificio,

che può essere definito come la prima manifestazione del-

la religione e, con essa, dell’intera cultura.

 

caproespiatorio3.jpg

 

La classificazione degli esseri dipende, nella prospettiva

di Girard, dalle pratiche sacrificali, prima scuola di pen-

siero dell’uomo e luogo in cui si sono forgiati gli strumen-

ti intellettuali che hanno caratterizzato la successiva e-

voluzione.

Sarà dunque qui che andrà ricercata la prima origine del

giudizio con cui l’uomo

 

si attribuisce le prerogative divine, tra-sceglie e separa se

stesso dalla folla delle altre creature, fa le parti agli anima-

li suoi fratelli e compagni, e distribuisce loro quella porzio-

ne di facoltà e di forze che gli piace.

(G. Mormino, L’animale come essere sacrificabile,

Nell’albergo di Adamo)

 

 

 

 

lupo1.jpg

 

IL MOTIVO DEL SACRIFICIO (fenomenologia del capro espiatorio) (1)ultima modifica: 2014-02-09T00:02:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo