MARTEDI DALLA MATTINA AL POMERIGGIO

Da    http://giulianolazzari.myblog.it

        http://pietroautier.myblog.it

I folti capelli neri erano tenuti in ordine con una buona dose di

brillantina.

Powell notò gli occhietti porcini dell’uomo che lo scrutavano

tranquillamente minuziosamente.

– Oh, Kevin, disse il vecchio

– Sono contento che sia venuto anche tu. Non credo che tu conosca

il dottor Lofts.

Powell non conosceva personalmente il Dr. Lofts, ma sapeva chi era

il dottor Lofts.

Il Dr. Crawford Lofts era forse il più illustre psico-diagnostico del

mondo, ma la sua fama era conosciuta solo in una cerchia molto

ristretta. Come i suoi numerosi best-seller, sotto pseudonimo.

Il Dr. Lofts era il capo del Psychiatric Evaluation Team della

Agency.

Il PET si era fatto una reputazione quando la sua valutazione

psicologica del premier sovietico aveva convinto il presidente

Kennedy ad attuare il blocco di Cuba.

Da quel momento in poi, erano state concesse risorse illimitate

perché compilasse valutazioni psicologiche dei maggior leader

del mondo e di alcuni individui particolari, compreso Castro.

Dopo aver ordinato il caffè per Powell, il vecchio disse :

– Il dottor Lofts ha lavorato sul nostro Condor. Negli ultimi

giorni ha parlato con diverse persone, ha studiato il lavoro e i

dossier del nostro giovanotto, ha perfino vissuto nel suo apparta

mento .

Ha cercato di costruire un profilo attivo, credo che si dica così.

Ma può spiegare meglio lei, dottore ….

La dolcezza della voce di Lofts sorprese Powell.

– Mi pare che lei si sia espresso bene, amico mio.

 – In sostanza, sto cercando di scoprire che cosa può fare

Malcom, dati i suoi precedenti.

– A parer mio, posso dire che si abbandonerà a improvvisazioni

fantasiose ignorando qualunque cosa voi gli diciate, a meno che 

questa cosa non coincida con quello che lui ha in mente. 

( J. grady, I sei giorni del condor, Bur, ed. )

jung freud.jpg
MARTEDI DALLA MATTINA AL POMERIGGIOultima modifica: 2010-06-01T11:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento