IL MENDICO E IL POLITICO

Da  http://giulianolazzari.myblog.it

      http://pietroautier.myblog.it

– Voi vi pensate, disse il mendico, – per l’aspetto ch’io mostro

ch’io fossi un uomo infelice, bruttissimo, sporcissimo e di 

miserie e d’infermità ripieno ?

– Così, disse il politico ( ed il graduato ), io mi penso ancora.

– E pur, ripigliò il mendico, voi di gran lunga v’ingannate, 

perché tale io  non sono . E’ ben vero che il tutto con arte

faccio e molto più di quello che voi vedete.

E quantunque agli occhi vostri io appaia qual vi rassembro,

tuttociò d’altro aspetto son riguardevole.

Perché, oltre che mi trovo assai giovane e gagliardo, non 

vivo così poveramente come a voi par che viva.

Anzi se  ‘l ver dir voglio, trapasso una vita felicissima

d’allegrezze e di comodità ripiena.

Io me ne vo tutto ‘l giorno a spasso a l’altrui spese, ricerco

tutto il mondo senza spendervi pur un picciolo, con l’altrui 

danaro soccorrendomi.

Cammino securamente giorno e notte senza punto temer di 

ladri; anzi talor rubo loro con le affettate parolucce mie molti

denari.

Godo quello ch’io m’attrovo, nè di perderlo temenza m’affligge.

Non son obbligato ad alcuno di render di mia roba.

Né alcuno mi porta invidia, ma tutti hannomi compassione;

son iscusato di non prestar giammai o di dar a credenza.

Non ho de liti travaglio.

E manco temo che le tignuole mi rodano le vestimenta.

Non dubito de’ corsari, di tempeste o di scogli che mi 

rubino, sommerghino o rompino le mie navi.

Né punto temo di guerre o di revoluzioni di stati.

Di gabelle, di dazi di decime non son tassato : solamente

per riscuotere ho qualche obbligo.

Per me può tempestare, venir la gragnuola, soffiare i venti

e scuotersi il mondo, che non mi si leveranno le mie entrate.

Non temo di ladri che mi rubino l’oro, che gli avari facciano

carestia, o chi per ereditar mi brami la morte.

Manco dubito che alcuno, per levarmi le comodità, tradir mi 

voglia.

Io non sono ansioso di accumular molto, nè tormento da diligenza

di conservarlo, o afflitto da temenza di perderlo.

Dove io mi trovo vi son anco co  ‘l cuore.

Ciò che mi guadagno il giorno me logodo la sera e quello che la

sera godo, non temo che involato mi sia la notte.

( P. Camporesi, Il libro dei Vagabondi, Garzanti )

 

vagabondi.jpg

   

 

IL MENDICO E IL POLITICOultima modifica: 2010-06-04T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento